Crea sito

Coronavirus, il numero dei morti di Wuhan non convince Il regime ha mentito?

By Fabio Vacca (per ith24)

Che la Cina sia uno Stato di regime, è cosa nota, e che non abbia detto tutta la verità, forse, lo hanno capito anche i neonati. Dopo aver nascosto la gravità che si stava abbattendo sulla testa di tutto il mondo, forse, ha mentito anche sul numero delle vittime nei due mesi di emergenza. E meno che mai convincono nei giorni in cui, in Italia, si registrano ogni giorno centinaia di vittime: possibile che da noi ci sia una strage di simili proporzioni mentre invece, nell’epicentro della pandemia, le vittime fossero state molte, molte, molte meno?

È difficile da digerire. Infatti, le nuove che arrivano dalla bandiera rossa e stelle, lasciano intendere che le vittime non sono 2535, ma molte di più. Si tratta di cumuli di casse con le urne per le ceneri dei corpi cremati. E secondo Caixin 5mila urne sono state fornite questa settimana in un solo giorno all’agenzia mortuaria Hankou, una delle otto che opera a Wuahn.

E sempre secondo la rivista, le otto agenzie avrebbero iniziato a consegnare dal 23 marzo 3.500 urne al giorno ai parenti delle vittime, fissando come obiettivo quello di concludere entro il 3 aprile, il Qingming, il giorno in cui in Cina si celebrano i defunti. 

Insomma, controllare il controllore è difficile, ma contare il numero delle urne delle ceneri non è difficile. Come non è difficile capire che dalla Cina, la verità, è stata nascosta.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Una risposta a “Coronavirus, il numero dei morti di Wuhan non convince Il regime ha mentito?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.