Un buon uso delle mascherine e l’igiene delle mani fermano i contagi

L’uso della mascherina dimezza l’incidenza di Covid-19, mentre il rispetto del distanziamento la riduce di un quarto. A decretare l’efficacia di queste misure di protezione non farmacologiche, come pure di una corretta igiene delle mani, è una revisione di 72 studi pubblicata sul British Medical Journal, con autrice principale Stella Talic della Monash University australiana.

Gli autori ritengono che precauzioni quali mascherine e distanze vadano mantenute, parallelamente al potenziamento delle vaccinazioni. Quanto invece a restrizioni più rigorose come lockdown, chiusura delle frontiere o delle scuole, i ricercatori ritengono necessarie ulteriori valutazioni, anche per capire i possibili benefici rispetto ai potenziali effetti negativi sulla popolazione.

Degli studi analizzati, 35 (34 osservazionali e uno randomizzato controllato) hanno indagato su singole misure di salute pubblica e 37 su più misure combinate. Dei primi 35 lavori, 11 sono stati condotti in Asia, 9 negli Stati Uniti; 7 in Europa, 3 in Medio Oriente; 3 in Africa, uno in Sudamerica e uno in Australia. I risultati di 8 di queste 35 ricerche sono stati analizzati nel dettaglio, indicando «una riduzione statisticamente significativa del 53% dell’incidenza di Covid-19 con l’uso della mascherina e una riduzione del 25% con il distanziamento fisico».

Anche con l’igiene delle mani è emersa «una sostanziale riduzione del 53% dell’incidenza di Covid, sebbene il dato non risultasse statisticamente significativo» una volta corretto tenendo conto nel numero di lavori esaminati. «Non è stata invece possibile un’analisi dettagliata per altre misure, quali quarantena e isolamento, lockdown generalizzati e chiusura di frontiere, scuole e luoghi di lavoro – riportano gli scienziati – a causa delle differenze nella progettazione degli studi, nella misurazione dei risultati e nella qualità».

La conclusione è dunque che «misure personali e sociali tra cui il lavaggio delle mani, l’uso della mascherina e il distanziamento fisico sono efficaci nel ridurre l’incidenza di Covid-19». Le restrizioni più pesanti, invece, «devono essere valutate attentamente soppesando i potenziali effetti negativi sulla popolazione generale». Per gli autori sono inoltre necessarie «ulteriori ricerche, volte a valutare l’efficacia delle misure di sanità pubblica dopo il raggiungimento di un’adeguata copertura vaccinale».

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.