RUN FOR SLA, “Una corsa per la ricerca”: Calcagni “Testimonial” domani 13 settembre alla Camera dei Deputati: “Trasmettere significa comunicare qualcosa di sé agli altri”

L’evento partirà il 28 agosto 2023: 16 giorni lungo l’Italia per sensibilizzare contro la SLA

Il Colonnello del Ruolo d’Onore dell’Esercito italiano Carlo Calcagni, sarà alla presentazione di martedì 13 settembre alla Camera dei Deputati

Si dice che siamo sempre di corsa, ma questa Corsa ha la “C” maiuscola, perchè è la Corsa per la VITA. La data è già fissata: partirà il 28 agosto 2023 e vivrà per 16 giorni lungo l’Italia, da aud a nordà, con una media di percorrenza di circa 120 km al giorno, quasi come tre volte la distanza di una maratona, per un totale di 1.800 km. Saranno dieci le regioni attraversate: Sicilia, Calabria, Basilicata, Campania, Lazio, Umbria, Toscana, Emilia Romagna, Lombardia, Veneto.

“Un’impresa fuori dal comune che abbraccia sport e solidarietà” si legge nel sito del progetto RUN FOR SLA, che nasce per sostenere la ricerca a favore di centri clinici dedicati alla diagnosi e alla cura della SLA. Per questo è stata organizzata la corsa podistica che percorrerà l’Italia da Agrigento a Venezia, in 16 tappe.

“A compierla saranno, in staffetta, numerosi atleti delle varie Associazioni Sportive d’Italia che vogliono essere parte attiva di questo evento. La staffetta italiana della solidarietà, dove il principale attore è l’ultra runner mantovano, di 62 anni, Fabrizio Amicabile, già noto per le sue coraggiose imprese sportive benefiche”.

CALCAGNI “TESTIMONIAL”
In attesa del via, sta arrivando la presentazione dell’evento, in programma martedì 13 settembre, a Roma, presso la Camera dei Deputati, alle ore 16:00. Sempre di corsa – si diceva – e sempre per la VITA: proprio le direttrici lungo cui ha indirizzato la sua vita Carlo Calcagni, che riassume tutto con il suo granitico “MAI ARRENDERSI”.

E’ così che il Colonnello del Ruolo d’Onore è stato scelto come “Testimonial” in vista della presentazione ufficiale dell’evento.

“Trasmettere significa comunicare qualcosa di sé agli altri. Ci tengo a mettere la mia esperienza di vita a disposizione degli altri, per tendere la mano ed aiutarli a rialzarsi – dice Carlo -. Per incoraggiarli ad usare quella forza, straordinaria ed invincibile, che tutti abbiamo ricevuto in dotazione, sin dal primo istante in cui siamo nati a questo mondo. Per allenarli a rinascere dopo ogni sconfitta, dopo ogni imprevisto dopo ogni caduta. Ci tengo a trasmettere agli altri quell’atteggiamento mentale che ho messo in pratica sin da bambino e che mi ha salvato da ogni avversità emotiva, prima che fisica. Ci tengo a trasmettere i valori dello sport come benessere psicofisico e come palestra che allena a mostrare i denti alla fatica per non arrendersi, mai, né ad essa, né alla disperazione, qualunque ne sia la fonte. Ci tengo a trasmettere verità incise sulla mia pelle: Ama la vita in ogni circostanza, perché solo così potrai preservarla, conoscerla e viverla, per te stesso e con gli altri”.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.