Run For Sla, all’evento come “testimonial” anche il Colonnello Calcagni

Tra i testimonial e atleti di Run For Sla c’è anche il colonnello dell’Esercito italiano Carlo Calcagni, collegato in videoconferenza, che ha dimostrato come, anche in una situazione di enorme difficoltà fisica, il corpo sia in grado di rialzarsi e di ripartire grazie allo sport e alla forza di volontà, coraggio e speranza. Atleta paralimpico, dal podio d’oro, ha trovato nello sport la forza per andare avanti, vivendo e vincendo sfide ciclistiche e podistiche apparentemente impossibili. Il suo motto “MAI ARRENDERSI”.

Grazie all’ospitalità e al patrocinio del Comune di Desenzano del Garda, è stata presentata oggi la manifestazione Run For Sla – Agrigento Venezia 2023, “staffetta della solidarietà” che nasce sul Garda per unire l’Italia intera all’insegna della ricerca, dello sport e della solidarietà. Una corsa memorabile che, nel 2023, da Agrigento arriverà a Venezia e che si propone di raccogliere fondi a favore della ricerca contro la Sla (Sclerosi Laterale Amiotrofica), aiutando due strutture nazionali d’eccellenza, che abbiamo già individuato e contattato, con la finalità di creare delle “Borse di Studio” per i ricercatori che dedicano tempo a questa patologia, per dare un futuro ai malati.

Diversi gli interventi raccolti durante la presentazione, che si è tenuta presso Villa Brunati, sede della Biblioteca comunale di Desenzano, con il benvenuto da parte di Pietro Avanzi, assessore alla Cultura, Sport e Sicurezza della Città di Desenzano del Garda, e la partecipazione dell’assessore alla Cultura e Turismo di Lonato del Garda, Mariangela Musci. Marco Crestale, cofondatore del progetto Run For Sla, ha richiamato l’attenzione sulla gravità della patologia e sull’urgenza di fare qualcosa di concreto per sostenere la ricerca. «Ho avuto un caso di Sla in famiglia – ha detto – e una ricercatrice, qualche anno fa, mi fece un esempio semplice: immagina una “candela”; quando a una persona compaiono i primi sintomi della malattia, la candela si accende e poco alla volta consuma il suo corpo fino a spegnerlo definitivamente.

Quindi la Sla è un nemico che bisogna combattere e vincere. Di fronte a questo, nessuno di noi può girarsi nella direzione opposta e fare finta che non ci sia, perché esiste. Esiste una cura per la Sla? No. Ecco perché noi vogliamo fare qualcosa e abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti».
A spiegare il progetto nei dettagli, con l’aiuto di un emozionante video, è stato Marco Roma, cofondatore di Run For Sla e responsabile dell’organizzazione dell’evento.

Run For Sla – Agrigento Venezia 2023 è un’impresa fuori dal comune che abbraccia sport e solidarietà, partirà il 28 agosto 2023 per 16 giorni attraversando dieci regioni dell’Italia, con una media di percorrenza di 120 km circa, per un totale di 1.800 km. A compierla saranno, in staffetta, tanti atleti delle varie associazioni sportive d’Italia che vogliono essere partecipi a questa staffetta solidale, per molte persone è un appuntamento per percorrere insieme alcuni dei tratti più suggestivi d’Italia. Il principale attore sarà il 62enne Fabrizio Amicabile, arilicense già noto per le sue coraggiose imprese sportive benefiche».
Sostenere la ricerca con l’aiuto delle associazioni sportive e di volontariato attive sul territorio, ha precisato Roma, «diventerà il motore trainante della manifestazione, toccando gran parte della penisola, informando e sensibilizzando alla raccolta fondi.
LA CORSA E IL TERRITORIO
L’evento, ha proseguito Filippo Marchio, managing director di Sportal.it, che vede coinvolte diverse realtà e associazioni nazionali quali Coldiretti, Assoturismo e Confersercenti, «avrà una risonanza ad ampio respiro e coinvolgerà attivamente l’Italia intera, partendo dalla bellezza del suo territorio».La corsa Agrigento-Venezia è un evento sportivo itinerante e cornice perfetta per esportare a livello territoriale il patrimonio turistico, ambientale, enogastronomico, sociale e culturale. Infatti, le sedici tappe che attraverseranno dieci diverse regioni, saranno trasmesse in diretta streaming sulla piattaforma Sportal.it mettendo in risalto, l’impresa e dando spazio a tutti gli sponsor che vogliono far conoscere la propria attività, i propri servizi, attraverso degli spot pubblicitari inseriti nella diretta, ed esposte attraverso i canali social, dando vita ad un emozionante e avvincente racconto di persone che con passione e impegno li animano.Sarà valorizzata la bellezza del territorio, che offre percorsi e scenari ineguagliabili, diventando così veicolo per le cose buone e belle della nostra nazione, dai suoi prodotti al suo paesaggio, dall’esperienza dei suoi luoghi unici e alle sue strutture artistiche, in una parola di tutto quello che l’Italia offre.
TESTIMONIAL E PARTNER
Tra i testimonial e atleti di Run For Sla c’è anche il colonnello dell’Esercito italiano Carlo Calcagni, collegato in videoconferenza, che ha dimostrato come, anche in una situazione di enorme difficoltà fisica, il corpo sia in grado di rialzarsi e di ripartire grazie allo sport e alla forza di volontà, coraggio e speranza. Atleta paraolimpico, dal podio d’oro, ha trovato nello sport la forza per andare avanti, vivendo e vincendo sfide ciclistiche e podistiche apparentemente impossibili. Il suo motto “mai arrendersi”.A causa di un impegno improvviso, Mirella Parmeggiani, responsabile Marketing e Comunicazione Italia del Consorzio Grana Padano, main sponsor della manifestazione, ha voluto comunque testimoniare l’adesione dell’ente al progetto con una lettera.Durante la conferenza stampa sono intervenuti vari ospiti: Marco Polettini, albergatore, membro di presidenza di Confesercenti Lombardia orientale e presidente di Bresciatourism; Mauro Belloli, vice-direttore Coldiretti Brescia; Bruno Tagliapietra, presidente del Lions Club Colli Morenici, partner dell’evento.La conferenza si è conclusa con i ringraziamenti di Marco Roma a sponsor, enti e collaboratori che fino ad ora hanno permesso di credere nell’iniziativa: «Run For Sla necessita del sostegno di tutti per compiere un gesto concreto: tutti insieme possiamo fare la differenza per chi ha bisogno».
PASSAGGIO SUL GARDA
Il passaggio sul Garda è previsto nella penultima tappa (101 km). La quindicesima tappa inizierà transitando da Casalmoro a Montichiari. Da qui, gli atleti si dirigeranno verso Lonato del Garda e, costeggiando il lago nel comune di Desenzano, si porteranno verso San Martino della Battaglia. Attraversato Valeggio sul Mincio, la tappa si concluderà a Verona in Piazza Bra.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.