Business Migranti, le coop rosse ora diventano nere dalla paura: spese gonfiate e rendicontazioni aggiustate

By Pasquale Aveta (per ith24)

L’inchiesta bergamasca sull’accoglienza dei migranti fa venire le vertigini alle Coop rosse. Si parla di una presunta associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata., allo sfruttamento del lavoro, alla turbativa d’asta. E anche all’inadempimento di contratti di pubbliche forniture.

L’indagine è coordinata dal Pm Fabrizio Gaverini. Alla base ci sono delle intercettazioni annotate dai carabinieri risalenti al 17 aprile 2018. E precisamente alle ore 8.34, avvenute tra don Claudio Visconti e Luca Bassi

“Ma infatti gliela voglio fare proprio difficile. Cioè nel senso che già non riusciranno a guardarla ma gliela faccio difficile, che dovranno impazzire”. “Bravo e carica anche le ristrutturazioni che abbiamo fatto prima”.

E sulla rendicontazione :”Tanto non se ne accorge nessuno”, sarebbero state le parole di Bassis. E invece a sentirlo c’erano proprio i carabinieri.

Insomma, tra spese gonfiate e numeri falsi, ad arricchire le Coop c’erano proprio i migranti. Alla faccia della solidarietà…..

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Una risposta a “Business Migranti, le coop rosse ora diventano nere dalla paura: spese gonfiate e rendicontazioni aggiustate”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.