Crea sito

Invece di mettere la testa sotto la sabbia, minaccia Luca Palamara espulso dall’Anm: “Fatti di inaudita gravità”. E lui: “Non farò il capro espiatorio del sistema” Con chi ce l’ha?

By Lucia Gallo (per ith24)

Non ci sta l’ex Capo dell’Anm Luca Palamara ad essere il primo ex presidente cacciato a calci fuori dall’Associazione nazionale dei magistrati. Infatti, proprio oggi, i componenti del ‘parlamentino’ hanno accolto la proposta avanzata dal collegio dei probiviri: hanno votato tutti a favore, si è registrata una sola astensione. Il sindacato delle toghe ha ratificato l’espulsione di Palamara e ha parlato di “inaudita gravità dei fatti” per la “violazione dei doveri imposti dal codice etico”, in base a quanto emerso dall’inchiesta di Perugia, nella quale il pm romano è indagato per corruzione aggravata.

Ma a Palamara vanno le scarpe strette, e all’Adnkronos, sbotta: “Non mi sottrarrò alle responsabilità ‘politiche’ del mio operato – si legge nel documento inviato oggi da Palamara al presidente al comitato direttivo centrale dell’Anm – per aver accettato ‘regole del gioco’ sempre più discutibili. Ma deve essere chiaro che non ho mai agito da solo. Sarebbe troppo facile pensare questo”.

Poi le scuse doverose ai “tanti colleghi che nulla hanno da spartire con questa storia, che sono fuori dal sistema delle correnti”. Prima del verdetto del ‘parlamentino’, Palamara aveva polemizzato con l’Anm che aveva respinto all’unanimità la sua richiesta di essere sentito: “Mi è stato negato il diritto di parola e di difesa, nemmeno nell’Inquisizione – aveva tuonato all’Adnkronos – non farò il capro espiatorio di un sistema”.

Una minaccia bella e buona. Ma con chi ce l’ha quando afferma di non essere il solo in questo gioco sporco chiamato “correnti?”.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.