Crea sito

[Game Over] Per il M5S è la fine: persi 6mila attivisti in soli 4 mesi. Chiusi 76 gruppi

By Pasquale Aveta (per ith24)

A furia di tirare la corda o di abbuffarsi, si rischia di scoppiare. Ed è quello che è accaduto al Movimento 5 Stelle. Oltre ad essersi rimangiati tutte le promesse avanzate in campagna elettorale, hanno fatto asso piglia tutto sulle nomine e sugli incarichi, in maniera famelica. E all’interno del partito è già prevista una guerra per la conquista della leadership. In sintesi, dopo aver assaporato il dolce, non vogliono più farne a meno. Anche se questo significa perdere la faccia. Che hanno già perso.

Come racconta Emanuele Buzzi sul Corriere della Sera, per il M5S “la settimana decisiva sarà quella tra il 15 e il 22 giugno: entro la quale si dovrebbe tenere una riunione dei vertici. La lotta interna si fa più serrata”.

Da una parte c’è l’idea del comitato elettorale che dovrebbe traghettare il Movimento per un anno, fino alle porte del semestre bianco, dall’altra la corrente che vorrebbe un voto subito sul capo politico. “Anche sulla leadership la situazione è a dir poco confusa. Le notizie di un ‘interim’ di Beppe Grillo continuano a rimbalzare, nel frattempo però Vito Crimi prosegue la sua attività e i suoi incontri (anche nella settimana appena trascorsa) tessendo rapporti e progetti in teoria a medio lungo termine, comunque ben oltre una imminente staffetta in vista di un cambio di leadership. E la corsa al ruolo di capo politico si infittisce di nomi, con Paola Taverna che ha dato la sua disponibilità per un periodo (e intanto prepara la sua campagna interna), Chiara Appendino che rimane sullo sfondo del progetto abbozzato sei mesi fa e Stefano Buffagni pronto a scendere in campo per far sentire la voce dei Cinque Stelle del Nord”.

Al quadro ovviamente va aggiunto Alessandro Di Battista, il cui seguito interno – come filtra da ambienti vicini all’ex deputato e ripresi dal Corriere – sta crescendo sempre di più. “L’ultimo endorsement in ordine di tempo lo ha fatto l’ex socio di Rousseau Max Bugani. In realtà, i contendenti (o il comitato) dovranno anzitutto riannodare le fila dei rapporti con la base. Da fine gennaio ad oggi, in contemporanea con lo scoppio dell’epidemia da coronavirus, il M5S ha subito una vera e propria emorragia: i meetup hanno perso seimila attivisti e sono stati chiusi 76 gruppi (il 13,9% del totale)”.

Molti elettori e sostenitori del Movimento hanno notato che le battaglie storiche sono state abbandonate e che il partito si è snaturato. Non è un caso, infatti, che a crescere tantissimo (anche in termini di follower sui social) sia l’ex senatore M5S Gianluigi Paragone, uno dei pochi che ha mantenuto la coerenza con il mandato che gli è stato assegnato dai cittadini. In lui, infatti, gli elettori 5Stelle continuano a vedere un politico in grado di portare avanti le questioni che stanno a cuore alle persone e ai valori fondanti di un Movimento ormai allo sbando. Se Paragone dovesse arrivare a fare un movimento tutto suo, è assai probabile che molti elettori 5 Stelle lo seguiranno.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.