Crea sito

A Berlusconi il caldo è andato alla testa. E al Pd, dice: “Se ci sono le condizioni per un’altra maggioranza le valutiamo. Senza il M5S”. Ma anche senza PD. L’unica via sono le urne!

Il caldo, forse la situazione giudiziaria dive lo vede vittima di un sistema giudiziario marcio, deve essere andato alla testa a Silvio Berlusconi: “Dice no al “governo di unità nazionale“, perché “all’Italia non servirebbe un governo con forze politiche antitetiche fra loro”. Ma, “se in Parlamento si creassero le condizioni”, Forza Italia sarebbe pronta a valutare una “nuova maggioranza”.

Cosi Silvio Berlusconi, che dunque apre alla possibilità di un sodalizio con il Pd, ponendo invece un veto sui grillini. “Noi e i 5Stelle – ha rimarcato – abbiamo una visione diametralmente opposta su tutto”. Il Cav ha comunque voluto sottolineare che l’ipotesi di una nuova maggioranza “andrebbe verificata, naturalmente prima di tutto con i nostri alleati”.

Il punto è che sono proprio gli alleati a non voler stringere nessun accordo con il PD, e questo Berlusconi lo sa bene. Quindi non si riesce a capire da quale cilindro abbia cacciato queste dichiarazioni, folli. Forse il caldo?

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.