Crea sito

Crisi di governo, tra Nicola Zingaretti e Conte volano stracci: “A che punto non può arrivare la mia lealtà”. Neanche Casalino….

Tra il premier Giuseppe Conte ed il segretario Dem Nicola Zingaretti volano stracci. Si fa per dire. Perché tra i due vige un gelo da Polo nord.

È ormai sotto gli occhi di tutti che il rapporto tra il segretario del Pd e il premier si è incrinato: “La mia lealtà – è lo sfogo del dem con un collega di partito – non può arrivare al punto di accettare che il governo non decida e lasci il paese andare a scatafascio”.

È proprio dai continui rinvii e dalle idee poche e confuse del premier che nasce il malcontento di Zingaretti, accentuato dalla vicenda degli Stati generali, convocati da Conte senza condividere con gli alleati né il lancio dell’iniziativa né i suoi scopi politici.

In sintesi in maggioranza sono pronti ad arrivare al punto di non ritorno. Ormai le spartanze sono state fatte. A chi volete che interessi assumersi ulteriori responsabilità con tutto quello che sta emergendo?

In un solo colpo – scrive il giornale di sinistra Repubblica – ha indispettito il ministro Gualtieri, scavalcato brutalmente, il capodelegazione dem Franceschini, che ha fatto poco per nascondere le sue perplessità sull’evento, e naturalmente lo stesso Zingaretti”. Il quale attendeva la fine del lockdown per affrontare una serie di questioni rimaste in sospeso e che invece lo sono ancora: Mes, Autostrade, Alitalia, decreti sicurezza, tutti temi rinviati di volta in volta. Il tempo trascorso a Villa Pamphilj non ha fatto altro che aumentare il gelo, dato che l’unica proposta uscita dagli Stati generali è un taglio dell’Iva che non vedrà mai la luce. Anzi. Si corre addirittura il rischio che venga aumentata.

In tutto questo pare che neanche l’ex tronista Casalino sia riuscito ad illudere il PD.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.