Crea sito

Vaccini, lo straordinario lavoro del Generale Figliuolo: “potrebbe servire una terza dose. Finora consegnate 28 milioni di dosi”

La terza dose del vaccino Covid potrebbe essere necessaria. È l’ipotesi prospettata dal generale Francesco Figliuolo nel suo intervento alla commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione della Camera. Spiegando che ad oggi sono state “consegnate 28,3 milioni di dosi”.

“Eventuali criticità costituiscono un’enorme carica motivazionale”, ha detto il commissario all’emergenza. “Che ci spinge ogni giorno a fare sempre di più”. La poderosa macchina della struttura commissariale  si sta rivelando uno strumento straordinario. Questa macchina – ha aggiunto –  deve condurre a un binario di ordinaria gestione dell’attività vaccinale futura. Che potrebbe prevedere la necessità di almeno un’ulteriore dose di richiamo“. Figliuolo ha confermato l’obiettivo  di vaccinare l’80 per cento della popolazione entro il 30 settembre. Con la platea over 12 anni la popolazione da vaccinare è composta da circa 54,3 milioni.

“È un onore”, ha detto ancora, “servire il Paese per questa importantissima missione. Sento sulla mia pelle la grande responsabilità. E, soprattutto, quanto gli Italiani si aspettano in questo particolarissimo momento”. Ricordando le centinaia di migliaia di morti in tutto il mondo, il generale ha richiesto il massimo coinvolgimento. «È imprescindibile  che l’esecuzione del piano vaccinale coinvolga capillarmente tutte le realtà. Proprio per far sentire la presenza dello Stato e delle Istituzioni. In questo momento storico di particolare difficoltà”. Anche per questo ha chiesto alle Regioni di intercettare “le persone vulnerabili”. E  quelle “poco avvezze all’uso dei sistemi informatici” per la vaccinazione. Verificando contestualmente il fenomeno delle mancate adesioni. «È  probabile che permarranno minime percentuali di non raggiungibili».

Poi si è soffermato sulle dosi e la pianificazione. “Al termine del Primo trimestre del 2021, abbiamo ricevuto 14,18 milioni di dosi. Pfizer e Moderna hanno fornito quantitativi sostanzialmente in linea con la programmazione. (8,75 milioni per Pfizer e 1,33 milioni per Moderna). Mentre Vaxzevria (ex AstraZeneca), è risultata deficitaria di 1,24 milioni di dosi. 4,11 milioni anziché 5,35 milioni)”.

“Il previsionale del Secondo trimestre  in base agli accordi prevede 54,7 milioni di dosi. Complessive delle citate tre aziende fornitrici. Unitamente a Johnson&Johnson, le cui somministrazioni sono iniziate dopo la metà di aprile. Ad oggi, nel periodo aprile-maggio sono state consegnate di Pfizer circa 19 milioni di dosi.Di Moderna circa 2,5 milioni. Di Vaxzevria circa 5,2 milioni. Di Johnson&Johnson circa 1,6 milioni. Per complessive 28,3 milioni di dosi”. “Va da sé – ha concluso – che la progressione del piano nei tempi previsti, o più rapidi, non possa prescindere dalla consegna delle dosi necessarie. Con distribuzione omogenea nel tempo, per garantire un regime di somministrazioni costante“.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.