Ultimatum di Mattarella: mercoledì o c’è il governo o si corre al voto

La dead line è fissata a mercoledì prossimo. Chi immaginasse mosse successive a quella data per scongiurare il ricorso alle urne, è pregato di informarne al più presto l’oste per non trovarsi nell’imabarazzante condizione di chi i conti li ha fatti da solo. E sì, perché il “fattore T“, inteso come tempo, è una variabile tutt’altro che irrilevante per Sergio Mattarella. A dar retta alla Stampa, è proprio intorno al “fattore T” che il Quirinaleavrebbe infatti cesellato il proprio “piano B” per condurre l’Italiafuori dalle secche della crisi di governo. Di che si tratta? Per quanto strano possa apparire, alla luce della prudenza sempre manifestata da Mattarella rispetto all’ipotesi di scioglimento anticipato del Parlamento, parrebbe proprio questa la soluzione cui pensa l’Inquilino del Colle

.Draghi vuol restare a Palazzo Chigi? Il governo va avanti. Non vuole? Si vota. Una sorta di rito abbreviassimo che salta tutte le liturgie del caso per restituire direttamente e immediatamente la parola al popolo sovrano. Il rispetto del Parlamento impone al Quirinale riserbo assoluto circa eventuali date possibili per il ritorno alle urne, ma già circolano quelle del 25 settembre in uno con la prima domenica di ottobre. Sia come sia, Mattarella non avrebbe alcuna intenzione di tenere le Camere a bagnomaria in attesa di estrarre un coniglio dal cilindro. E si capisce: in Italia non si è mai votato in autunno per la concomitante sessione di bilancio.

Ma nulla impedirebbe al nuovo governo di varare entro l’anno la legge finanziaria scongiurando il ricorso all’esercizio provvisoriodel bilancio nei primi mesi del 2023. In più c’è l’implementazione delle misure del Pnrr, senza trascurare la guerra in corso e le turbolenze dei mercati. La scelta di affidare al “fattore T” il rango di seconda opzione finisce anche per drammatizzare la crisi, rendendo ancor più evidenti le responsabilità dei 5Stelle. Un effetto collaterale che esula dagli obiettivi di Mattarella e che si sprigiona da solo. Lo si coglie appieno nelle parole pronunciate da Matteo Renzi all’assemblea di Italia Viva: «Chi andrà alle elezioni con il M5S andrà senza di noi. Se il Pd vorrà inseguire i populistifaccia pure. Noi con la scissioneabbiamo salvato la nostra anima e la nostra dignità». A conferma che la campagna elettorale è già partita.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.