[Sì nascondeva, il verme. La compagna era pure gelosa] Ha abusato per 5 anni della figlia minorenne della compagna. Arrestato il carnefice patrigno

Un orrore durato 5 anni. Un incubo che alla fine la ragazzina è riuscita a confessare. Portando all’arresto del suo aguzzino. Più volte, da quando la bimba aveva 8 anni, il compagno della mamma con cui conviveva avrebbe abusato sessualmente di lei. Ha approfittato delle condizioni di inferiorità fisica e psichica della piccola. E la induceva a subire atti sessuali. La minacciava di ritorsioni, di far del male alla madre, ai nonni. E, addirittura,  di portare via il fratellino se non avesse accondisceso alle sue richieste. Alla fine è riuscita a confessare.

Dopo i racconti della ragazzina l’uomo di 35 anni di origine sudamericana è finito in manette. Su delega della Procura della Repubblica di Roma, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione di Roma Porta Portese. In esecuzione di un’ordinanza che dispone la custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Roma. La minore, che ora ha 13 anni, ha chiesto aiuto confidandosi prima con una parente e poi con il papà naturale. Che si è subito rivolto ai carabinieri della stazione di Roma Porta Portese, denunciando tutto. Da qui le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma, avvalorate da visite mediche. Audizioni protette che hanno consentito di raccogliere un quadro indiziario tale da far decidere al Gip del Tribunale di Roma, l’emissione della misura cautelare nei confronti del patrigno.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.