Scene da brividi ad Ardea, donna da di matto e prende a sprangate l’auto del vicino che poi la investe. Finisce a colpi di rivoltella

Far west sul litorale laziale. Una lite tra due famiglie finisce a spari in mezzo alla strada. E quando arrivano i carabinieri si scopre che la pistola non era l’unica arma sulla scena… Sono le prime ore di un sabato pomeriggio qualunque quando improvvisamente scoppia l’inferno in via dei Fenicotteri in località Tor San Lorenzo ad Ardea, dove i carabinieri della Compagnia di Anzio e della Stazione di Tor San Lorenzo, sono intervenuti per sedare un furioso litigio scoppiato in seno a due famiglie.

Ripristinare ordine e calma e ricostruire i contorni e le motivazioni della rissa tra bande familiari è stata un’impresa ardua. Comunque, tra domande e riscontri i militari hanno accertato che la madre di un 29enne avrebbe danneggiato con una spranga l’auto del nucleo familiare “antagonista”. Una provocazione forte a cui il proprietario del veicolo danneggiato avrebbe reagito addirittura investendo la donna.Il figlio della signora, a quel punto, avrebbe impugnato la pistola e esploso alcuni colpi d’arma da fuoco, senza colpire nessuno.

Una tragedia sfiorata, che ha indotto i carabinieri al lavoro sul caso, ad eseguire le perquisizioni del caso. Che, nello specifico, presso l’abitazione 29enne hanno portato al sequestro della spranga usata dalla donna per inveire contro l’auto dei vicino. Di circa 500 grammi di cocaina e 60 di marijuana. Oltre che di un caricatore di una pistola vuoto. A quel punto, poi, dopo l’identificazione dei tre soggetti coinvolti nella furiosa rissa, la 29enne è stata trasportata all’ospedale San Camillo di Romain codice giallo. Dove i medici hanno riscontrato che, malgrado il tentativo di investirla messo a segno dal vicino, la donna non è in pericolo di vita. Ora, però, la posizione di tutti e tre i litiganti è al vaglio degli inquirenti.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.