Manovra, Pd faccia a terra sul contributo di solidarietà. Italia Viva, Lega e FI gli hanno fatto lo sgambetto

Il contributo di solidarietàspunta di buon mattino, piomba nel corso della cabina di regia voluta dal premier Mario Draghicon le forze di maggioranza per decidere sul taglio delle tasse.

Draghi vuole tendere la mano ai sindacati e lo fa innanzitutto proponendo di abbassare l’asticella del tetto dei redditi che potranno contare sugli sgravi fiscali grazie allo stanziamento di 1,5 miliardi deciso dal governo: fino a ieri si parlava di 47mila euro, oggi si è passati a 35mila,restringendo la platea alle fasce più deboli. Ma tenta di fare di più l’ex numero uno della Bce.

Sostenuto da Pd, Leu e sindacati -con i quali l’interlocuzione è continua e va avanti per l’intera mattinata- cerca di escludere i redditi sopra i 75mila euro dal taglio dell’Irpef al quale lavora l’esecutivo. D’accordo anche il M5S su una misura che frutterebbe alle casse dello Stato 250 milioni di euro di risparmi da impiegare a contrasto dei rincari delle bollette e aggiungere ai 500 milioni già in campo. E sempre ‘scudando’ le fasce più deboli, quelle per cui l’aumento di luce e gas si traduce in un salasso difficile da fronteggiare.

Ma in Cdm il contributo di solidarietà, che già in cabina di regia aveva visto l’opposizione di centrodestra e Iv, viene letteralmente ‘impallinato’, perché se è pur vero che non si tratta di un prelievo ma di un mancato taglio, a Iv, Lega e Fi -a torto o a ragione- la misura suona come una patrimoniale. Dunque, improponibile. Il Cdm si prolunga più del dovuto, dopo oltre due ore viene sospeso perché manca l’accordo. Il ministro dell’Economia, Daniele Franco, cerca risorse aggiuntive per uscire dal pantano. Che spuntano dal bilancio dello Stato: 300 milioni in più individuati dai risparmi di spesa e fondi non del tutto utilizzati.

Esulta la Lega, la prima a comunicare che i soldi ci sono, ma sono stati trovati altrove. “In Parlamento – annuncia inoltre battaglia il partito di Matteo Salvini – la Lega chiederà di fare ancora di più” per sterilizzare i rincari di luce e gas, “recuperando risorse dagli sprechi del Reddito di Cittadinanza”. Per Iv, “qualsiasi ipotesi che preveda un prelievo aggiuntivo non andrebbe nella direzione che lo stesso premier Draghi ha più volte ribadito e in cui ci riconosciamo pienamente: non è il momento di prendere i soldi ai cittadini, ma di darli”.

Mentre Maria Stella Gelmini, capo delegazione di Fi al governo, lasciando la conferenza stampa sulle misure contro la violenza sulle donne parla di “una soluzione che ha convinto tutta la maggioranza. Non ci sono state divisioni ma una valutazione approfondita e una risposta nell’interesse di tutti, sia dei ceti più deboli, con un rafforzamento della riduzione delle bollette, sia con una considerazione proporzionale per quanto riguarda la riforma”.

Sul mancato contributo di solidarietà tace al momento il fronte progressista, uscito sconfitto dal braccio di ferro. Off the record un ministro, al termine del Cdm, rispondendo al perché fosse saltata la misura sui redditi sopra i 75mila euro, rispondeva deluso: “Perché? Perché questo è un governo di centrodestra…”.

Il contributo di solidarietà, per i redditi superiori ai 75mila euro, avrebbe fruttato 250 milioni di euro a contrasto del caro bollette. Nonostante la misura sia saltata, sono stati individuati -nel corso del Consiglio dei ministri – altri 300 milioni aggiuntivi per arginare l’aumento di luce e gas: risorse, chiariscono fonti di governo, individuate nel bilancio dello Stato. Sarebbe stata questa la mediazione alla quale si è arrivati in Cdm per superare le divisioni delle forze di maggioranza sul contributo di solidarietà, una soluzione proposta da Draghi in cabina di regia ma che non è arrivata a vedere la luce, ‘affossata’ da centrodestra e Iv.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.