“Ma non eri sola?”. Si moltiplicano le bugie di Julia Elle, “Disperatamente mamma”. L’ex marito scoperchia il vaso di Pandora e i follower la linciano

Non si abbassano i toni sulla vicenda che da ore vede protagonista Julia Elle, meglio conosciuta come Disperatamente mamma. La blogger – diventata famosa sul web per i suoi video ironici sulla vita da mamma imperfetta – è finita al centro della bufera per avere raccontato nei suoi libri e sui social network una vita diversa da quella realmente vissuta. Una storia con la quale i suoi follower avevano empatizzato a tal punto da mettere nel mirino l’ex compagno, che ora ha scoperchiato il vaso di Pandora.

Dal 2016 a oggi Julia Elle ha raccontato attraverso i social (con post e video) e attraverso cinque libri la sua storia di mamma single costretta a crescere i due figli avuti da un compagno, Paolo Paone, che la lasciò quando Chloe, la primogenita, era ancora piccolissima. Paolo era stato descritto dalla blogger – che oggi è felicemente sposata con l’industrial designer Riccardo Macario – come un padre assente, che aveva smesso di amarla poco dopo la nascita della bambina e che l’aveva messa incinta del secondo figlio, Chris, dopo una notte di passione passeggera.

Il castello di carta costruito negli anni da Julia Elle è crollato, però, quando alcuni utenti hanno iniziato a trovare delle discordanze tra quanto dichiarato dalla blogger in tv (in una vecchia intervista rilasciata a Vieni da me) e quanto scritto nei suoi libri. I dubbi dei follower sulla veridicità dei suoi racconti si sono rivelati fondati, poi, quando Paolo Paone su Instagram ha detto la sua verità, rivelando di non essere il padre di Chris, accusando l’ex compagna di avere mentito su tutti i fronti.

A quel punto Julia Elle è finita al centro delle critiche. I suoi seguaci hanno chiesto chiarimenti e lei ha detto la sua verità. Una storia diversa dai racconti fatti in tv e sui social. Una nuova storia fatta di minacce e violenze subite proprio dall’ex. Tra i due è in corso un botta e risposta social che potrebbe vedere scendere in campo anche gli avvocati, viste le accuse mosse da lei. Ma intanto la rabbia dei follower di Disperatamente mamma e del popolo del web cresce di ora in ora.

La vicenda è stata commentata in tutte le salse sul web e la blogger è stata accusata di avere mentito ai suoi seguaci per un pugno di follower e per un po’ di popolarità. “Ci sarà qualcosa di vero tra le cose che ci ha raccontato in questi anni?”, ha scritto su Twitter un’utente, mentre altri hanno messo in dubbio anche le sue ultime dichiarazioni, nelle quali racconta la sua verità:”Non me la sentirò mai, in vita mia, di dire che non credo ad una donna che si proclama vittima di violenze. Eppure la narrazione dei fatti di Julia Elle ha un che di disturbante, grottesco e nebuloso. Sono sensazioni di pancia, ma tant’è”.

Oltre alla rabbia dei fan ci sono anche le tantissime segnalazioni che continuano a arrivare. “Eravamo sole? Stesso vestito, stesso gioco, stessa pettinatura, stessa porta …. scommetto che è anche lo stesso giorno! Chissà quante stories e post basati su bugie”, ha chiesto su Twitter un fan, mettendo a confronto due vecchi post, uno pubblicato da Julia Elle e uno condiviso su Instagram dall’ex. Nel primo si vedono la blogger e la figlia Chloe insieme. “Mi ricordo la prima volta che abbiamo visto quella porta, eravamo io e te (Chloe), era un periodo difficile e eravamo sole”, scrive Julia Elle nella caption, ma in un’altra foto identica nei vestiti e nei dettagli c’è anche l’ex Paolo. Un post condiviso sulla pagina Instagram dell’uomo in un’altra data e che svela che in quel momento era con loro. E altro materiale sospetto potrebbero presto circolare in rete, alimentando la polemica. L’ennesima polemica di una donna e una mamma che crede di inventare storie e di potersela cavare sol perché donna e mamma.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.