Letta a Cosenza fa il tutto vuoto, annoia anche le sedie. Salvini lo prende in giro e il segretario del Pd va al manicomio…

Letta in piazza, Salvini al computer. E scatta la rissa politica tra alleati al governo. “Più sedie vuote che cittadini stamattina per Letta e il Pd a Cosenza. Non spingete! Nello stesso momento, centinaia di persone insieme a me a Bovolone (Verona). Ecco il SONDAGGIO vero…”. Veleno, più che ironia, di Matteo Salvini contro il suo alleato di governo, Enrico Letta, per un comizio non affollatissimo, anche se tutto è relativo, in politica, visto che qualcuno ha parlato di flop perfino per le diecimila persone di ieri a Piazza del Popolo per Michetti e Meloni. Tutto è relativo perché lo stesso Letta, dopo aver guardato i post di Salvini, ha pubblicato un’altra immagine nella quale le poltrone sono occupate e ha commentato, senza restare molto sereno. Una giornataccia, per il segretario del Pd, attaccato nel pomeriggio anche dal suo pigmalione Romano Prodi.
La reazione di Enrico Letta è furiosa: “Non ne azzecca una Salvini in questo periodo. Posto la foto per amor di verità. A Cosenza 33 gradi e le persone cercavano l’ombra in piedi alle 12. C’erano centinaia di persone a Cosenza come a Bovolone (20 gradi). E allora? Hanno senso queste penose polemiche costruite sul falso?”, scrive su Twitter Enrico Letta, pubblicando delle foto in replica a quelle postate stamattina da Salvini sulle presenze ai comizi dei due leader.

E Salvini? Già in mattinata aveva sferrato siluri contro il Pd e Letta: “Stare al governo con Pd e M5s, con Letta, Conte e Di Maio è mica facile. Quello vuole lo ius soli, la patrimoniale, il Ddl Zan. Hanno approvato una legge per farsi le canne a casa, come se la priorità fosse questo. Per noi la priorità è il lavoro, non la droga, lo ius soli o il Ddl Zan”. “Pensiamo per 30 secondi a un governo senza Lega, in un minuto approvano lo ius soli, il Ddl Zan. Già ora ci sono troppi sbarchi, figurarsi cosa succederebbe. Non darò mai la soddisfazione a Letta e Conte di massacrare l’Italia per due anni, qui siamo e qui restiamo, poi alcune volte vinciamo a altre volte perdiamo”, aveva detto a Bovolone il leader della Lega. 

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.