La vendetta russa: tempesta di missili su Kiev

La vendetta è arrivata puntuale: dopo gli attacchi ai civili su Zaporizhzhia nella notte di sabato e di domenica, in risposta all’attentato degli ucraini al ponte in Crimea, dall’alba di oggi la capitale dell’Ucraina è avvolta in una tempesta di fuoco. Alte colonne di fumo sono state viste nel centro della città di Kiev e ci sarebbero già numerosi morti e feriti, come riporta l’emittente pubblica ucraina Suspilne citando Svitlana Vodolaga, portavoce del Servizio statale di emergenza dell’Ucraina. Secondo le autorità locali le esplosioni sono state causate da missili lanciati dalle forze russe e uno dei missili sarebbe finito vicino all’ufficio del presidente Zelensky

Un appello a ”ripararsi nei rifugi” quello che ha rivolto attraverso Telegram ai suoi concittadini il governatore di Kiev Oleksiy Kuleba. ”L’attacco aereo continua, chiedo a tutti di mantenere la calma e di restare nei rifugi”, ha detto Kuleba, sottolineando che ”la difesa aerea sta agendo nella regione”. Lo stesso ha fatto il sindaco di Kiev Vitali Klitschko, che sempre attraverso Telegram ha scritto che ”l’allarme aero continua e quindi la minaccia. Faccio appello a tutti i residenti della capitale: restate nei rifugi durante l’allarme”. Perché ”la capitale è sotto attacco da parte di terroristi russi!”, ha detto il primo cittadino di Kiev. Anche Kuleba ha detto che ”l’allerta aereo è ancora in corso. Non ignoratelo e rimanete al riparo. Non fotografare o filmare i siti di atterraggio o le infrastrutture danneggiate. La vita delle persone dipende da questo. Teniamo duro”. Inoltre “se non c’è bisogno urgente, è meglio non andare in città oggi. Chiedo anche ai residenti delle periferie di non andare nella capitale oggi”, ha detto Klitschko. “Le strade centrali di Kiev sono state bloccate dalle forze dell’ordine, i servizi di soccorso stanno lavorando”, ha aggiunto.

Un razzo lanciato dalle forze armate russe è caduto questa mattina vicino al monumento dell’eroe nazionale della rivoluzione ucraina Hrushevsky nel centro di Kiev mentre su Twitter si parla di macchine che bruciano, vetri delle finestre rotti e morti. ”Le macchine stanno bruciando e le finestre delle case sono andate in frantumi. Ci sono morti”, ha twittato questa mattina. Anche un parco giochi per bambini è tra gli obiettivi colpiti dall’attacco missilistico di stamattina contro la capitale ucraina Kiev. Anton Gerashchenko, consigliere del ministro degli Interni ucraino, ha pubblicato su Twitter le foto di un giardino ricoperto da detriti con la didascalia: “Il parco giochi per bambini nel centro di Kiev dopo l’attacco”.

”Stanno cercando di distruggerci e spazzarci via dalla faccia della terra”, è il primo commento del presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky attraverso Telegram sull’ondata di attacchi russi sulle città ucraine questa mattina, compresa la capitale Kiev che non veniva attaccata da mesi. Rivolgendosi alla Russia senza citarla, Zelensky ha detto che ”distruggi la nostra gente che dorme a casa a Zaporizhzhia. Uccidi le persone che vanno a lavorare a Dnipro e Kiev”.

Inoltre, ha aggiunto, ”l’allarme aereo sta continuando a suonare in tutta l’Ucraina. Ci sono missili che colpiscono. Purtroppo ci sono morti e feriti. Si prega di non lasciare i rifugi. Prendetevi cura di voi e dei vostri cari. Teniamo duro e diventiamo forti”.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.