La ipotesi di Paolo Crepet: “Filippo Turetta, la domanda che il padre non vuole farsi” (Video)

L’omicidio di Giulia Cecchettin, l’assassinio commesso da Filippo Turetta, continua a scuotere le nostre coscienze e a riempire le cronache. E la vicenda, terribile, nei giorni degli interrogatori al reo-confesso, tiene banco anche a In altre parole, il programma condotto da Massimo Gramellini su La7 il sabato sera, la puntata è quella di ieri, sabato 2 dicembre.

Ospite in collegamento ecco il sociologo Paolo Crepet, interpellato da Gramellini su una delle sfumature più dibattute del caso negli ultimi giorni: la scelta dei genitori di Turetta di non incontrare il figlio in carcere. “Perché i genitori di Turetta non vogliono andare a trovare il figlio. Non ce lo saremmo mai aspettato…”, chiede Gramellini a Crepet.

“Perché l’eco dei sensi di colpa è terribile – risponde il sociologo -. Forse vogliono posticipare una domanda terribile. Che colpa ne ho? Quando un figlio sbaglia, diceva Pasolini, per il 50% è colpa del ragazzo e per il 50% è colpa dei padri, perché lo hanno educato male. Parole magnifiche, bibliche”.

E ancora: “L’esempio non è solo: fai così. Ma tu come sei? Quanto parli a cena? Quanto interrompi i loro silenzi? Quanto sei capace di essere in qualche modo controcorrente? Un insegnante è un provocatore, non può adattarsi alla calma piatta: se un ragazzo esce dal gruppo, per il suo bene, lo vai a prendere per la giacca”, conclude Paolo Crepet.

Guarda il Video su La7

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.