Crea sito

La grande fuga dal M5s, il retroscena: in 30 al Gruppo Misto, nasce il “partito di Conte” benedetto dal Pd. Scopo, sì al Mes

Grandi manovre in casa del M5s: le tensioni si acuiscono e il rischio di spaccarsi non soltanto verbalmente è sempre più probabile. Più che una scissione potrebbe essere un divorzio consensuale

Prima del voto del 20 e 21 settembre circolava anche un numero choc: 100 tra deputati e senatori con la valigia in mano. La sforbiciata agli eletti, con l’approvazione del referendum, rappresenta un’arma a doppio taglio, che potrebbe spingere fuori dalla porta tanti peones, scrive il Giornale, stanchi di tagliarsi lo stipendio e di versare l’obolo a Rousseau. “Molti non hanno speranze di essere rieletti, tanto vale tenersi i soldi e appoggiare Conte dal Misto o con gruppi autonomi”, spiega un parlamentare grillino.

Giancarlo Cancelleri, viceministro dei Trasporti,  in un’intervista a Repubblica ha spiegato bene il possibile scenario futuro: “In prospettiva vedo un’alleanza a tre: M5s, Pd e partito di Giuseppe Conte“. Con il partito del premier formato da un gruppo di pentastellati scontenti, almeno una trentina di parlamentari pronti a uscire dal M5s. A rendere praticabile l’ipotesi della fuga c’è anche la resa dei conti sul Mes. Una questione che, in ogni caso, spaccherebbe il M5s.

E parte di questi parlamentari potrebbe planare dritto dritto al Gruppo Misto per dire sì al Mes e, di fatto, sostenere Giuseppe Conte e il Pd (più che il M5s). Sta nascendo il partito del premier? 

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.