La Croazia elimina il Marocco: e si posiziona al terzo posto a Qatar 2022

La Croazia batte il Marocco 2-1, nella finale per il 3-4 posto di Qatar 2022. Le due squadre, libere da pressioni, danno vita ad una partita divertente e con tante occasioni da gol. Succede tutto nel primo tempo. Passa in vantaggio la Croazia, grazie ad un gol di Josko Gvardiol, il miglior centrale visto ai Mondiali. Sempre di testa pareggia subito il centrale marocchino Achraf Dari. I croati vanno ancora avanti a fine primo tempo, grazie ad una gemma di Mislav Orsic. Nella ripresa non ci sono altri gol nonostante sia Croazia che Marocco vadano vicino al bersaglio. Fanno festi i croati che si confermano ancora una volta, una delle squadre migliori al mondo e salutano Luka Modric, all’ultima partita con la maglia del suo Paese. Festa anche per il Marocco, la più grande sorpresa di Qatar 2022, nonchè la prima nazionale africana a raggiungere le semifinali nella storiadei Mondiali.

Entrambi i ct rimescolano le carte. Zlatko Dalic Dalic non rischia l’acciaccato Brozovic sostituito da Majer e passa al 3-5-2. In difesa dentro Sutalo con Stanisic a destra. In attacco tocca alla coppia Livaja-Kramaric. Walid Regragui rinuncia a Saiss, Aguerd e Mazraoui in difesa. A centrocampo lancia il 2004 El Khannous. In avanti confermatissimo il tridente Ziyech, En-Nesyri, Boufal.

La partita è subito pirotecnica. Al 7′ la Croazia passa in vantaggio. Punizione di Lovro Majer, spizzata di Perisic per il colpo di testa di Gvardiol, che la mette alle spalle di Bono. Il Marocco pareggia praticamente subito sempre su calcio piazzato. Punizione di Hakim Ziyech, liberata male da Majer che serve inavvertitamente Dari a segno con un colpo di testa sotto misura. I croati ci provano ancora. Al 18′ Perisic sfonda sulla fascia sinistra e va al traversone impattato di testa Kramaric. Conclusione centrale bloccata da Bono. Al 24′ Luka Modric sterza su Sabiri creandosi lo spazio per calciare col sinistro, respinge in due tempi Bono. Al 29′ si fa pericoloso il Marocco. Ziyech e Hakimi sfondano a destra, l’ex Inter va al cross sul secondo palo dove En-Nesyri non trova l’impatto.

La Croazia prova subito a chiudere la gara. Ci riprova ancora Orsic,conclusione deviata sull’esterno della rete da El Yamiq. Al 51′ cross teso di Majer per la girata di prima intenzione di Livaja, che non trova la porta. I ritmi calano vistosamente e comincia la girandola di sostituzioni. Al 74′ si fa vedere il neo entrato Nikola Vlasic. Si accentra per calciare col destro il trequartista del Torino spedendo alto sopra la traversa della porta difesa da Bono. Un minuto dopo il Marocco sfiora il pareggio. Miracolo di Dominik Livakovic: con una parata di puro istinto il portiere croato salva sul tentativo da distanza ravvicinata di En-Nesyri. All’85 Mateo Kovacic si divora il 3-1.Passaggio filtrante di Orsic per la conclusione strozzata in diagonale del centrocampista del Chelsea che spedisce sul fondo. L’ultima occasione arriva all’ultimo secondo. Attiat-Allah sprinta e mette una gran palla sul secondo palo per il colpo di testa alto di En-Nesyri. Finisce qui può cominciare la festadella Croazia.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.