Immigrazione, colpo di scena, Weber: “Sì al muro con la Bielorussia”

Clamoroso a BruxellesManfred Weber, capogruppo del Ppenell’Europarlamento vuole il muro antimigranti ai confini con la Bielorussia Queste le sue parole: «Nessuno vuole staccionate o muri ma se non è tecnicamente possibile proteggere i nostri confini in altro modo, allora l’investimento in strutture fisiche deve essere possibile». Chiaro. Ma ancor di più lo è quanto aggiunge dopo: «Ceuta e Melilla abbiamo una barriera alta, più alta persino di quella messicana. Non è quello che vogliamo vedere, ma è la realtà di oggi, non dobbiamo essere ingenui. Per questo per il Ppe in situazioni straordinarie, fondi Ue devono essere disponibili per queste attività».

Prima di lui, sempre nella mini-plenaria dell’Europarlamento, era intervenuto anche l’Alto Rappresentante dell’Ue Josep Borrell. Nel suo intervento ha parlato di un nuovo pacchetto di sanzioni da adottare «contro coloro che contribuiscono alla crisi» in corso al confine tra Bielorussia e Polonia, oltre che alle frontiere con Lituania e Lettonia. «ministri degli Esteridell’Ue – ha annunciato – ne parleranno nel Consiglio di lunedì prossimo. La Bielorussia – ha concluso – usa esseri umani come strumenti per fini politici».

Ma torniamo a Weber. In ordine alla crisi in corso al confine tra Bielorussia e Polonia, il capogruppo del Ppe ha puntato l’indice anche contro le compagnie aeree, in particolare quella della Turchia. «Se qualcuno, come Turkish Airlines, vuole guadagnare sul territorio Ue – ha avvertito – deve capire che non può partecipare a questo traffico di esseri umani. E probabilmente dobbiamo negareil diritto di atterrare negli aeroporti Ue, se non sono pronti a lavorare in modo collaborativo». Non solo. Anche Facebook è finito nel mirino di Weber, dal momento che – ha ricordato – lo usano i trafficanti per il loro modello di business. «Dobbiamo essere franchi – ha concluso -: questo deve finire».

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.