Crea sito

[È una chiavica] Il verdetto sul Giudice “di parte” Esposito e gli insulti a Berlusconi. I camerieri vincono…. (Tutto archiviato)

Archiviata la denuncia del giudice Antonio Esposito contro tre camerieri di un hotel di Lacco Ameno, la cui proprietà appartiene a Domenico De Siano (senatore di Forza Italia). A riportarlo è Il Fatto Quotidiano, che ricorda come i tre dipendenti misero a verbale di aver ascoltato Esposito mentre insultava gratuitamente in pubblico Silvio Berlusconi. 

Il giudice aveva risposto accusandoli di false dichiarazioni rese al pubblico ministero e aveva accusato l’avvocato Bruno Larosa di abuso d’ufficio e usurpazione di funzione del pm.

Il gip ha archiviato tutto con quattro pagine di motivazioni dalle quali si evince che le indagini difensive di Larosa non violarono il codice. Era il 3 aprile 2014 quando i tre camerieri – Giovanni Fiorentino, Michele D’Ambrosio e Domenico Morgera – dichiararono che Esposito era solito insultare in pubblico e ad alta voce Berlusconi e De Siano. “Il tuo datore di lavoro – avrebbe detto tra il ristorante e la hall dell’albergo – sta con quella chiavica di Berlusconi… ancora li devono arrestare… a Berlusconi se mi capita l’occasione devo fargli un mazzo così”. 

Nella denuncia presentata dal giudice si parlava di “ricostruzioni inverosimili”, ma il gip ha messo nero su bianco che “non possono comunque considerarsi ‘false’ non solo sulla base degli elementi di prova disponibili, ma anche di quelli che l’opponente collega agli accertamenti patrimoniali ‘trascurati’ nelle indagini”.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.