Il premier israeliano Bennett incontra Putin. Dopo l’incontro: “Poche possibilità di accordo”. Il dato è tratto!

Israele continuerà a cercare di mediare tra Russia e Ucraina anche se appare improbabile ottenere un successo. “Finché la candela è accesa, dobbiamo fare ogni sforzo”. Lo ha detto il premier israeliano, Naftali Bennett, in dichiarazioni riportate dai media israeliani. Ieri il premier israeliano ha violato lo Shabbat (la festa del riposo, che è celebrata ogni sabato, ndr) per volare a Mosca e poi a Berlino. Un colloquio con il premier Putin durato tre ore, nella prima visita di un leader straniero al Cremlino dopo l’attacco a Kiev. Poi una telefonata al presidente ucraino Zelensky e a Macron, e il volo per Berlino, dove ha incontrato il cancelliere tedesco Olaf Scholz.

Tornato oggi in patria, il primo ministro israeliano ha spiegato che la missione a Mosca e in Germania è stata organizzata con “la benedizione e l’incoraggiamento di tutti gli attori”. “La sofferenza umana – ha detto Bennett – è grande e rischia di essere ancora maggiore se le cose continueranno così – ha detto – Continueremo ad aiutare come richiesto”. Secondo il premier, come riporta il Times of Israel, anche se esiste solo una piccola possibilità che gli sforzi di mediazione abbiano successo, provarci è un “obbligo morale” di Israele. “Anche se le possibilità non sono grandi, quando esiste anche solo una piccola apertura e abbiamo accesso a tutte le parti e la capacità – ha affermato – considero un obbligo morale fare ogni sforzo”. “Dobbiamo fare ogni sforzo”, ha insistito.

“Finché la candela è accesa, dobbiamo fare ogni sforzo”, aggiunge Bennett. Il primo ministro afferma che Israele si sta preparando per una “significativa ondata” di immigrazione a causa della guerra in Ucraina, che definisce una “sfida” per il Paese. “Ma questa è una sfida che abbiamo affrontato in passato, di volta in volta”, afferma.

Il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha parlato di nuovo con Volodymyr Zelensky, nella terza telefonata con il presidente ucraino in 24 ore. Lo rende noto l’ufficio del premier israeliano rientrato questa mattina dalla sua missione a sorpresa prima a Mosca e poi a Berlino.

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky in un video pubblicato su Facebook ha ringraziato Israele per il suo sostegno in un discorso televisivo, ma non ha menzionato il viaggio del primo ministro Naftali Bennett a Mosca per incontrare il presidente russo Vladimir Putin. “Sono grato a Israele per il suo sostegno all’Ucraina”, afferma Zelensky, secondo una traduzione di Sky News. “Abbiamo bisogno del sostegno di tutti i paesi e stavamo parlando del supporto di cui abbiamo bisogno ora e di come coopereremo in futuro dopo la guerra”. Zelensky ha detto di aver parlato con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il primo ministro australiano Scott Morrison.
“Ogni sera parlo con i leader delle organizzazioni internazionali in diversi paesi”, dice. “Queste conversazioni alimentano la nostra fiducia.”

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.