Grecia, 15 studenti italiani fermati dalle autorità perché positivi al covid. Erano in vacanza a Ios per festeggiare la maturità

Una quindicina di studenti italiani è bloccata nell’isola greca di Ios. Si tratta di studenti diciottenni risultati positivi al Covid. I giovani, che hanno deciso di mettersi in auto isolamento, non sanno quando potranno far rientro a casa. Lo loro famiglie sostengono che le autorità greche non avrebbero fornito informazioni ai figli. Ne alcun supporto logistico.

I ragazzi, tutti con almeno una dose di vaccino già fatta – riferisce il Gazzettino– si sono allarmati quando una ragazza della compagnia ha accusat un leggero malessere. Con febbre. Fatti i tamponi, in 5 sono risultati positivi al Covid.  Gli studenti, che avevano organizzato il viaggio a Ios per festeggiare la maturità  sarebbero dovuti tornare l’altro ieri sera in aereo a Tessera (Venezia).

Le loro condizioni generali comunque sono buone. E ogni giorno tengono al corrente le famiglie. Che però riferiscono, polemicamente, che le autorità sanitarie locali non avrebbero finora svolto nessun  controllo sui ragazzi.

Proprio ieri la Farnesina, in una nota, ha sottolineato che recarsi all’estero comporta rischi sanitari. “Da gennaio 2020 perdura in tutto il mondo l’emergenza sanitaria causata da Covid 19”, la premessa.  “Tutti coloro che intendano recarsi all’estero devono considerare che qualsiasi spostamento, in questo periodo, può comportare un rischio di carattere sanitario”. E che nel caso in cui si risultasse essere positivi o contatti di una persona positiva vanno seguite le norme disposte dalle autorità locali.  “Tali procedure interessano, con alcune possibili differenze dovute alle diverse normative locali, anche i cosiddetti contatti con il soggetto positivo”, si legge. “Che sono ugualmente sottoposti a quarantena/isolamento dalle autorità locali del Paese”. Il ministero “raccomanda pertanto di pianificare con massima attenzione ogni aspetto del viaggio. Contemplando anche la possibilità di dover trascorrere un periodo aggiuntivo all’estero“.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.