Gaetano Daniele: “Luciana Lamorgese mente agli italiani. Passa la palla sullo Ius soli perché non può chiudere i confini”

By Gaetano Daniele

Quando ll’Europa ordina, la discussione politica a sinistra inizia a ruotare attorno allo ius soli. Ed il risultato è sotto gli occhi di tutti. Infatti lo sbarco di clandestini è talmente fuori controllo da necessitare di una manovra diversiva per distrarre l’opinione pubblica. Fateci caso: più sale il numero degli immigrati che raggiungono le nostre coste più il Pd si lancia in proclami sul diritto di cittadinanza.

Questa volta a spalleggiarlo è scesa in campo anche la ministra degli Interni Luciana Lamorgese che in realtà dovrebbe occuparsi di ben altri diritti, tipo quello degli italiani.

Ma, siccome il ministero degli Interni non è in grado di fare né la prima né la seconda cosa, la si butta sui diritti civili omettendo che l’Italia già oggi è tra i Paesi occidentali quello con il più alto tasso di integrazione di fatto a partire dai diritti allo studio e all’assistenza per i minori – e con il maggior numero di cittadinanze concesse, circa 130 mila all’anno, secondi solo alla Germania.

Tutto questo il portaborse dell’Europa, ah pardon, il segretario del PD, Enrico Letta, lo sa bene, ma siccome non sa bene cosa fare del suo partito che come un pendolo oscilla tra Draghi e Conte a seconda dei giorni, ecco che non trova di meglio che ammorbare i suoi e tutti noi con questioni inutili e marginali tipo la legge sulla transfobia, detta anche legge Zan, o sullo ius soli spacciato come emergenza nazionale. Emergenze che altri Paesi della comunità Europea risolvono in men che non si dica. Come? Chiudendo i confini e indirizzando i migranti clandestini in Italia.

E siccome da quelle parti si è persa non solo la linea ma pure il senso del ridicolo, ieri la senatrice Pd Monica Cirinnà ha posto con forza al governo un problema centrale per la democrazia: “Ai trans non può essere chiesto di esibire il Green pass per una questione di privacy identitaria”. Brava Cirinnà, ma mi chiedo: come fa un poliziotto a capire che una certa persona è trans in modo da non disturbarla? E come si fa a controllare la veridicità di questa, immagino, autocertificazione-salvacondotto? Ma è mai possibile che nel 2021 dobbiamo ancora sentire queste cazzate? È proprio vero, questa sinistra, quando parla di identità incerte in realtà parla di se stessa.

Pubblicato da edizioni24

Sito a cura di Rita De Marco dal 07/09/2021. Rita De Marco è una studentessa di Napoli, aspirante giornalista, fashion Blogger. Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.