Covid-19 Probabili infetti tra i Migranti Quartiere in rivolta a Capannelle

By Lucia Gallo (per ith24)

Rivolta dei residenti del Quartiere romano Capannelle a causa di un gruppo di migranti ospitato in un hotel del posto. La denuncia, documentata su Facebook con video e fotografie, ha allarmato gli abitanti che subito hanno organizzato una Task Force per evitare contagi tra la popolazione, considerato che i rifugiati arrivano dal Selam Palace, dove sono stati riscontrati 18 casi di coronavirus.

La protesta arriva da Manuela Rella, vicepresidente del Comitato di quartiere, che tuona: “L’hotel Capannelle ha ben 8 uscite. È il posto meno controllato e controllabile per chi deve stare in quarantena. Un rischio enorme per tutta la popolazione della zona”.

E ancora: “Abbiamo avvertito noi la presidente del Municipio, Monica Lozzi (grillina ndr) che è caduta dalle nuvole. Non volevano darci informazioni, la polizia ha minacciato di denunciarci”. Se la Rella si muove rischia una denuncia, se si muove uno degli ospiti dell’hotel rischia una multa. Ma un rifugiato internazionale può avere paura di una multa che non pagherà mai? La Rella è riuscita a scoprire che sono 25 le stanze riservate ai possibili contagiati dal coronavirus. Oggi ne sono arrivati 6. Altri 29 arriveranno all’Hotel Capannelle nelle prossime ore. Vogliamo assicurazioni. Ci dicono che queste persone non sono contagiate, ma essendo state a contatto con malati di covid-19 potrebbero esserlo. Chi li controlla? Chi garantisce che non abbandonino l’hotel ed escano tranquillamente?”.

Una preoccupazione più che giustificata da parte dei residenti che teme il peggio in un momento delicato dive ha visto e sta vedendo l’Italia primo paese al mondo con più contagi e più morti per Covid -19.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

60 Risposte a “Covid-19 Probabili infetti tra i Migranti Quartiere in rivolta a Capannelle”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.