Carburanti come la gonnella, sale e scende a seconda della convenienza.. e la beffa continua: prezzi di nuovo alle stelle. Il ministro Cingolani sentito dai pm

La beffa dell’aumento dei prezzi dei carburanti torna a fare capolino al distributore. Il sollievo agognato con il taglio delle accise scattato martedì è durato giusto qualche ora. Ma già il giorno dopo l’approvazione della misura, i costi sono tornati a salire. E alle stelle. Anche oggi, quando stante i rialzi segnalati e registrati, i costi sostenuti hanno di fatto annullato quasi un quinto dello sconto sull’accisa, erodendo i tagli che il governo ha annunciato nei giorni scorsi. Nel frattempo, il ministro per la Transizione ecologica Roberto Cingolani si è recato a Piazzale Clodio in veste di persona informata sui fatti nell’ambito dell’inchiesta aperta dopo l’aumento del prezzo del gas, dell’energia elettrica, della benzina…

La Procura di Roma ha ascoltato questo pomeriggio il ministro per la Transizione ecologica Roberto Cingolani come persona informata sui fatti nell’ambito dell’inchiesta aperta dopo l’aumento del prezzo del gas. Dell’energia elettrica. E dei carburanti. Nel fascicolo, coordinato dal procuratore Francesco Lo Voi e dal procuratore aggiunto Rodolfo Sabelli, al momento senza indagati, si procede per l’ipotesi di reato di manovre speculative sulle merci. L’atto istruttorio davanti ai pm titolari del fascicolo è durato circa due ore. Secondo quanto si apprende, il ministro avrebbe reso dichiarazioni dettagliate e utili all’indagine.

Intanto, il prezzo di benzina e diesel oggi registra nuovi rialzi: e risulta in aumento nei distributori di carburanti in Italia. Da Milano a Roma, da Palermo a Torino, è durato poche ore il beneficio totale del taglio delle accise scattato martedì. Visto che il giorno dopo il varo della misura i prezzi per gli automobilisti sono tornati a salireStaffetta Quotidiana parla così di una vera e propria «beffa». Segnalando che «sulla scia di fortissimi rialzi delle quotazioni petrolifere internazionali (il barile di Brent supera i 120 dollari), già questa mattina i prezzi consigliati tornano a salire, “mangiandosi” circa un quinto dello sconto sull’accisa».

E se le quotazioni internazionali di benzina e gasolio sono salite ieri di circa tre e sei centesimi al litro, tornando poco sotto il record storico dello scorso 8 marzo. Oggi stando alla rilevazione di Staffetta Quotidiana, di cui riferisce l’Adnkronosquesta mattina Eni ha aumentato di sei centesimi al litro i prezzi consigliati di benzina e gasolio. Pertanto, stando alle medie dei prezzi praticati ieri dai gestori e rilevati dall’Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economicovedono così la benzina self service a 1,836 euro/litro (-269 millesimi, compagnie 1,828, pompe bianche 1,858). Il diesel a 1,817 euro/litro (-269, compagnie 1,806, pompe bianche 1,846). Mentre il Gpl servito si attesta a 0,856 euro/litro (-34, compagnie 0,853, pompe bianche 0,859). E il metano servito a 2,249 euro/kg (+25, compagnie 2,316, pompe bianche 2,187). Infine, Gnl a 2,119 euro/kg (+30, compagnie 2,153 euro/kg, pompe bianche 2,087 euro/kg).

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.