[Boom] Processo ”Miramare”, abuso d’ufficio, arriva la mazzata per il sindaco Pd Falcomatà: 1 anno e 4 mesi di carcere

Il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, esponente del Pd, è stato condannato dal tribunale di Reggio Calabria a un anno e quattro mesi di reclusione per abuso d’ufficio e assolto dall’accusa di falso nel processo su presunti illeciti nelle procedure di affidamento del Grand Hotel Miramare. Condannati ad un anno per abuso d’ufficio e assolti per falso anche gli ex assessori Saverio Anghelone, Armando Neri, Rosanna Maria Nardi, Giuseppe Marino, Giovanni Muraca, Agata Quattrone e Antonino Zimbalatti. Un anno di reclusione anche per il segretario comunale Giovanna Antonia Acquaviva, per la dirigente comunale Maria Luisa Spanò e per l’imprenditore Paolo Zagarella. Per effetto della condanna, il sindaco sarà sospesodalla carica per 18 mesi per via della legge Severino.

La procura, nel corso della requisitoria condotta dai pm Walter Ignazitto e Nicola De Caria, aveva chiesto una condanna a un anno e 10 mesi di reclusione per Falcomatà e un anno e 8 mesi per gli ex assessori comunali Anghelone, Neri, Nardi, Marino, Muraca, Quattrone e Zimbalatti, per il segretario comunale Acquaviva, per la dirigente comunale Maria Luisa Spanò. La stessa pena era stata chiesta per l’imprenditore Zagarella, a cui il Comune aveva assegnato la gestione dell’hotel dopo che lo stesso imprenditore, nel corso della campagna elettorale del 2014, aveva concesso i suoi locali gratuitamente per la segreteria di Falcomatà.

Secondo le indagini coordinate anche dal procuratore Giovanni Bombardieri e dall’allora Aggiunto Gerardo Dominijanni, il 16 luglio del 2015 Falcomatà e la sua giunta avrebbero adottato una delibera, come riporta l’Adnkronos, con la quale «statuivano l’ammissibilità della proposta proveniente dall’associazione “Il Sottoscala” (che faceva capo all’imprenditore Zagarella, ndr) per l’utilizzo del piano terra del Miramare». Gli imputati, di fatto, sempre secondo la pubblica accusa, avrebbero omesso «di dare preventivo avviso pubblico per consentire a terzi di manifestare l’interesse per l’assegnazione dell’immobile», così da affidare il Miramare previo accordo del Comune con l’associazione.

Nel corso del suo interrogatorio in aula, Falcomatà si era difeso affermando che in qualità di sindaco lui aveva «una responsabilità politica non di natura gestionale. L’istruttoria spettava all’ufficio preposto che valuta la legittimità della proposta e verifica la sua sostenibilità». Nell’ambito dello stesso processo, celebrato col rito abbreviato, l’ex assessore ai Lavori pubblici, Angela Marcianò, era stata condannata ad un anno di reclusione (pena sospesa) per abuso d’ufficio e falso ideologico.

«Sono tranquillo e andiamo avanti», ha detto subito dopo la sentenza Giuseppe Falcomatà. «La sentenza la commenteremo quando avremo letto le motivazioni. Mi pare che il tribunale abbia dato credito alla tesi della procura per ciò che concerne il primo capo d’imputazione e abbia dato invece ragione a noi per ciò che concerne il secondo. È una prima tappa, ovviamente, poi ci sarà l’appello».

«I cittadini stiano tranquilli, l’amministrazione andrà sicuramente avanti – ha aggiunto Falcomatà –, come e con chi sarà frutto di una valutazione che faremo insieme al partito». Quanto alla sospensione dalla carica di sindaco per 18 mesi per via della legge Severino, Falcomatà ha affermato: «La sospensione è prevista dalla legge, ma ci sono strumenti che vanno ad incidere sulla sospensione. C’è già un ricorso pendente sulla costituzionalità della legge Severino, dunque faremo tutto quello che è necessario».

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.