Crea sito

[BOOM] Coronavirus, l’infettivologo Massimo Andreoni sgancia la bomba: “No agli allarmismi, ma i focolai vanno spenti subito”

“Un certo grado di preoccupazione c’è perché in pochi giorni siamo passati da un centinaio di casi di infezione da Sars-Cov2 ai più di seicento di ieri l’altro, un incremento legato ai momenti di aggregazione tra giovani, e al rientro dai viaggi all’estero”.

Così Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana malattie infettive (Simit), in una intervista al Giorno. “Questo rimbalzo è superiore a quello che ci aspettavamo per le prime settimane di agosto. Vediamo che le misure di contenimento, distanziamento e mascherine, sono spesso disattese.

I nuovi casi riguardano soggetti mediamente di quarant’ anni. Prima l’età media si avvicinava ai 70″. 

Il professore ha la sua ricetta: “Occorre trovare un modo corretto per questa lunga convivenza.

Se l’epidemia dovesse sfuggire di mano l’incremento dei casi sarebbe esponenziale. Nessun allarmismo, ma basta poco. Ecco perché dobbiamo spegnere immediatamente i focolai. I giovani nella maggior parte dei casi non subisconodanni gravi legati alla malattia, però non sono immuni, e possono costituire veicolo di trasmissione dell’infezione a soggetti fragili.

Oggi abbiamo lamovida, le spiagge, ragazzi che tornati a casa dalla discoteca possono passare l’infezione al genitore, ai nonni. Al momento i decessi sono pochi, il numero delle infezioni sarà circa dieci volte superiore alla quota di pazienti da ospedalizzare. Ma se il Coronavirus rialza la testa ci ritroviamo al punto di prima”, conclude Andreoni.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.