Crea sito

Vaccini, a chi tanto e a chi niente… in Toscana: quattro dosi a una donna di 67 anni

Un nuovo caso di sovradosaggio di vaccini anti-Covid, dopo la studentessa di Massa, si è verificato sempre in Toscana, a Livorno. Una donna di 67 anni, come spiegato durante un punto stampa che si è tenuto all’Hub vaccinale PalaModì, “ha ricevuto 0,30 ml di vaccino Pfizer interamente, senza essere diluito. Una quantità pari a 4 dosi di vaccino“, ha spiegato Cinzia Porrà, responsabile della Zona-Distretto livornese. L’emergenza è tutt’altro che passata  

E’ successo ieri pomeriggio. “La signora – ha spiegato Porrà – è stata subito presa in carico dalla struttura e dal referente medico e infermieristico, è stata tenuta in osservazione per un’ora e non ha avuto particolari malori. Ma tanto spavento, che ha determinato un pochino di ansia. Abbiamo suggerito alla signora di fare degli accertamenti, se lo ritenesse opportuno, e di stare in osservazione e l’abbiamo fatta ricoverare comunque in pronto soccorso, dove è stata per il pomeriggio e nella notte. Attualmente si trova lì, in attesa dei risultati di alcuni accertamenti che sono stati fatti. Comunque sta bene”.

“Al momento quello che possiamo dire è che il vaccino non è stato diluito con la soluzione fisiologica. Le cause che hanno portato a questo evento sono ancora in corso di verifica”, ha detto la direttrice della Zona livornese. Quello che ha subito chiarito è che “chi somministra” il vaccino “è la stessa persona che diluisce”. Sull’episodio di sovradosaggio, ha ribadito, “abbiamo già attivato un Audit interno, che sta proseguendo. Ora faremo tutti i passaggi necessari per ricostruire esattamente i fatti che possono aver portato a questo tipo di evento”.

Dell’avvenuto sovradosaggio “ce ne siamo accorti subito, immediatamente dopo la somministrazione. Anche i nostri operatori si sono molto spaventati. E i signori sono stati comprensivi, a parte un primo momento in cui erano un po’ sconvoltihanno capito che purtroppo la cosa può succedere su grossi numeri. E’ chiaro che l’obiettivo nostro e dell’audit in corso è di tendere il più possibile a zero. Il rischio dobbiamo cercare di azzerarlo. Prenderemo questo evento per introdurre ulteriori elementi di sicurezza”.

”Sicuramente si farà una verifica sui protocolli ma sono assolutamente confidente che quanto è stato fatto possa essere frutto di un errore umano dovuto anche al sovraffaticamento. Chiaramente si vedrà nel dettaglio”. Lo ha detto il commissario straordinario all’emergenza covid, Francesco Paolo Figliuolo (nella foto), nel corso della visita al centro vaccinale Nelson Mandela Forum di Firenze, rispondendo a una domanda su un secondo caso di sovradosaggio nella somministrazione di quattro dosi di vaccino al posto di una in Toscana.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.