Referendum, affluenza ai gradi di Bolzano: 13,8%. Hanno preferito la sabbia delle spiagge alla riforma della giustizia

Dai dati del Viminale, l’affluenza ancora parziale alle elezioni comunali, alle 20, calcolata in 759 comuni su 818, è del 39,82%, tendenza che sembrerebbe in calo rispetto alla precedenti consultazioni quando lo stesso dato era del 43,51%. alla stessa ora per il referendum l’affluenza è stata del 13,8%. Quorum mancato e polemiche che già divampano.

“Si profila una disfatta – scrive sui social il giornalista Pierluigi Battista – e il partito forcaiolo può celebrare il trionfo . È morto anche lo strumento del referendum, in un Paese poi dove non si raggiunge il 50 per cento neanche per eleggere un sindaco e tutti sanno che il voto non conta più niente. Peccato”.

Seggi desolatamente deserti – commenta via social Daniele Capezzone–  l’esito sarà catastrofico. Non è un incidente, ma il prodotto di: *Consulta che elimina quesiti popolari *zero informazione sui media *sfiducia endemica *promotori stessi in buona misura dediti ad altro. Danno incalcolabile”.“Il tema della giustizia – sottolineaFrancesco Giubilei – è leggermente più importante e cruciale della cannabis legale. Il quorum non si raggiungerà non perché si vota su un tema distante dai cittadini ma perché il referendum è stato boicottato e non spiegato agli italiani che è ben diverso”.

Del resto pare che il problema dell’astensione massiccia non sia solo italiano, anche in Francia al primo turno delle legislative – che ha visto il partito di Macron perdere terreno a vantaggio della sinistra di Melenchon secondo i primi exit poll – l’astensione record è stata del 51%.

Sul tema si sarebbe espresso anche il presidente della Repubblica, stando a quanto ha pubblicato Il Fogliovotare è un diritto e non un dovere. Ma gli elettori non sanno che farsene di questo diritto, evidentemente, soprattutto se il tema sparisce  dall’agenda mediatica. C’è poi chi non crede che lo strumento del referendum sia morto e sepolto: nei commenti social alcuni affacciano ipotesi ardite. Se si votasse su eutanasia, cannabis legale e ddl Zan la gente correrebbe ai seggi. Per la giustizia, invece, non vale la pena…

La Lega ringrazia comunque i milioni di italiani che hanno votato o voteranno nonostante un solo giorno con le urne aperte, il silenzio di troppi media e politici, il weekend estivo e il vergognoso caos seggi visto per esempio a Palermo.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.