Nadal si conferma campione agli Australian Open: è il suo 21esimo Slam

Un gigantesco, monumentale Rafael Nadal vince la finale degli Australian Open contro il numero due del mondo Daniil Medvedev e diventa così il giocatore ad aver vinto più tornei del Grande Slam di tutti, 21, staccando di un titolo i colleghi Roger Federer e Novak Djokovic fermi a quota 20. Lo spagnolo ha avuto la meglio del suo avversario dopo una vera e propria maratona durata 5 ore e mezza con il russo che si è fatto recuperare da due set di vantaggio e con il maiorchino sempre in partita e desideroso di vincere per la sua seconda volta gli Australian Open dopo ben quattro finali perse. 2-6, 6-7, 6-4, 6-4, 7-5 i parziali in favore del 35enne che ha dato una lezione di tenuta fisica e mentale ad un avversario di dieci anni più giovane.

Per la maggior parte, per Nadal e questo certamente ha inciso sul match visto che il russo ha iniziato a perdere la pazienza e calare fisicamente proprio dal terzo set in poi con lo spagnolo ex numero uno al mondo che è invece pian piano salito di condizione. A parte il primo set letteralmente dominato da Medvedev, gli altri quattro sono stati equilibrati e solo la maggior classe e tenuta mentale hanno permesso a Nadal di mettere in bacheca per la seconda volta gli Australian Open che mancavano da ben 13 anni nella bacheca dell’iberico.

Nadal si è detto felice ed incredulo al termine di questa incredibile maratona vinta in rimonta contro un grandissimo avversario: “Questo torneo lo porterò per sempre nel cuore: ho vissuto tre settimane incredibili, e oggi uno dei giorni più emozionanti della mia carriera. E’ incredibile che solo 45 giorni fa pensavo di dover smettere. Prima di cominciare, avrei detto che questo era il mio ultimo Aus Open: oggi non lo penso, dico solo che farò il mio meglio per tornare anche il prossimo anno”.

Dopo un equilibrio iniziale, Medvedev ruba il servizio al suo avversario nel quinto gioco e poi ancora nel settimo vincendo così agevolmente per 6-2. Nel secondo Nadal brekka il russo al quarto gioco ma poi si fa togliere nuovamente il servizio nel settimo. Lo spagnolo si riprende il break nell’ottavo ma lo cede nuovamente nel nono gioco e la partita si trascina fino al tie-break vinto dal numero due al mondo per sette punti a cinque.

Nadal però non molla, sale di condizione con il suo avversario che invece si irretisce nei confronti del pubblico schierato a favore ello spagnolo. Il break decisivo nel nono gioco con il 35enne maiorchino che chiude così 6-4 in suo favore. Nel quarto set Medvedev sembra sulle gambe cede il servizio nel terzo gioco, lo riconquista nel quarto, lo cede ancora nel quinto e Nadal ringrazia vincendo il set per 6-4. Nel quinto e decisvio set la classe dello spagnolo esce di nuovo fuori, ruba il servizio nel quinto gioco e si porta sul 5-4. Anche i campioni, però, barcollano e Nadal perde il servizio regalandolo al russo che porta la contesa sul 5-5. Nadal però si dimostra ancora una volta di un’intelligenza superiore e brekka nuovamente Medvedev vincendo poi per 7-5 regalandosi il 21esimo titolo del Grande Slam: come lui nessuno mai.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.