Meloni epocale: “A sinistra stanno comodamente seduti nei loro salotti. E le periferie soffrono”

«Girare nelle nostre città sta diventando un’impresa ogni giorno più ardua: microcriminalità diffusa, violenze, spaccio a cielo aperto, baby gang». Lo afferma Giorgia Meloni, in un video su Facebook dal titolo Pronti a ridare sicurezza alle nostre città. «Strade, piazze, a volte interi quartieri – dice la leader di Fratelli d’Italia – completamente abbandonati al degrado e sottratti al controllo dello Stato, spesso consegnati alle putride regole della mafia e della criminalità organizzata. Fenomeni presenti soprattutto nelle periferie urbane e nelle aree di maggior disagio, che la sinistra non ha saputo o non ha voluto contrastare, un po’ per menefreghismo, un po’ perché stanno sempre comodamente seduti nei loro patinati salotti radical chic, un po’ per impostazione ideologica, perché la sicurezza in fondo per loro è una cosa di destra».

«L’intervento dello Stato serve subito, ora. Ripristino di sicurezza e legalità e lotta al degrado – spiega la leader di FdI– sono tra le priorità di Fratelli d’Italia. A partire da un maggior presidio del territorio: incrementeremo risorse e dotazioni delle Forze dell’Ordine, rilanceremo e potenzieremo l’operazione “Strade sicure”, aumenteremo la videosorveglianza dove necessario».

La leader di Fratelli d’Italia assicura: «Riqualificheremo le periferie, soprattutto quelle più degradate, perché dal riscatto di quelle aree e delle persone che le abitano passano anche il benessere sociale e la sicurezza. E quindi incentiveremo l’apertura di attività in quelle zone, soprattutto negli orari serali, perché ogni luce accesa e ogni saracinesca alzata sono presidi di legalità e contrasto al degrado. È tempo che lo Stato si riappropri delle sue prerogative e torni a fare ciò per cui i cittadini pagano le tasse. È tempo che i cittadini si riapproprino delle loro città».

Guarda il Video

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.