Il vicesindaco di Mariupol supplica la Nato: “Putin non si fermerà. La Nato si svegli”

Non c’è modo di fermare Putin se non con le armi. Il vicesindaco  di Mariupol, una delle più importanti città ucraine, si  rivolge direttamente “ai leader della Nato”. E chiede l’invio di truppe in Ucraina, un “supporto militare diretto”, denunciando una “guerra alla democrazia”

Non c’è modo di fermare Putin, di impedirgli di uccidere i nostri civili dal cielo”, è l’appello disperato. “Fin quando la Nato non si sveglierà e capirà che non è un conflitto regionale. È una guerra alla democrazia, alla libertà”, ha detto Sergei Orlov alla Bbc. “Sembra che i leader della Nato – ha incalzato – non capiscano che Putin non si fermerà, sono spaventati ed è deplorevole”.

Orlov ha detto di sperare che “un giorno comprendano che è assolutamente necessario fornire supporto militare diretto all’Ucraina. Per fermare Putin o almeno chiudere il nostro spazio aereo per proteggerci dalle minacce dal cielo”. “Sappiamo – ha concluso il vicesindaco di Mariupol – già che è pronto a uccidere tutti i civili che vuole”.

Secondo l’intelligence britannica la città portuale di Mariupol, nel sud dell’Ucraina, ”resta sotto il controllo ucraino, ma resta accerchiato dalle forze russe”. Quella trascorsa è stata comunque una notte di continui scontri e di bombardamenti, conferma il ministero della Difesa britannico. I funzionari della città dicono che ”saremo distrutti” e parlando di bombardamenti ”implacabili”. Il sistema elettrico e idrico è già stato messo fuori uso. Tagliate anche le comunicazioni telefoniche, così come la consegna di cibo. La situazione drammatica di Mariupol è stata anche denunciata ieri dal sindaco della città (video)

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.