Crea sito

[Nulla di fatto] Il giudice archivia il finto vittimismo di Carola Rackete: “Salvini non istigò a delinquere contro di lei”

Finisce con un nulla di fatto il tentativo di Carola Rackete di passare per “vittima” di Matteo Salvini. Il giudice di Milano, Sara Cipolla, ha infatti archiviato l’accusa di istigazione a delinqueremossa dall’attivista tedesca al leader della Lega. La denuncia, presentata dall’avvocato della Rackete, Alessandro Gamberini, faceva riferimento ad alcune frasi pronunciate dall’allora ministro dell’Interno nel corso di una diretta Facebook e di un comizio del luglio del 2019.

Salvini aveva definito Rackete come una sbruffoncella «fuorilegge», «delinquente» e autrice di un atto «criminale». Secondo Rackete e il suo avvocato si trattava, appunto, di istigazione a delinquere. A pensarla così, però, nell’ambito del procedimento, nel quale Salvini era difeso dall’avvocato Claudia Eccher, erano solo loro. Lo stesso pm, Giancarla Serafini, infatti aveva chiesto l’archiviazione, poi accordata dal giudice.

L’avvocato di Rackete si era opposto all’archiviazione rispetto all’accusa di istigazione a delinquere sostenendo che «le frasi, pronunciate dall’allora ministro oltre che leader politico, sono lesive e non rappresentano certo un legittimo diritto di critica». Il legale del leader del Carroccio, però, in una memoria consegnata al giudice la scorsa udienza aveva ribadito «il diritto di critica rispetto ad affermazioni prive di una efficacia istigatoria». Oggi il giudice ha dato ragione alla tesi difensiva, archiviando l’accusa di istigazione. In merito alla vicenda, passata dalla procura di Roma a quella di Milano per competenza territoriale, resta però ancora aperto il filone della diffamazione.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.