Il figlio di Salvini rapinato in strada da tre nordafricani: “A Milano capita a tanti”

Il figlio diciannovenne di Matteo Salvini, Federico, è stato minacciato con un coccio di bottiglia e rapinato del cellulare da tre nordafricani. La rapina è avvenuta venerdì scorso, in via Palma a Milano, una strada semicentrale vicino a una fermata della metro e al Pio Albergo Trivulzio, nella zona ovest della città.

Erano passate le 20, ora di cena nella sera dell’antivigilia di Natale, quando i due uomini immigrati si sono avvicinati a Federico che stava camminando e lo hanno rapinato del telefono per poi scappare. Il figlio di Salvini non ha potuto dare l’allarme perché non aveva più il telefono con sé. Quindi è arrivato a casa del padre a piedi. Ed è da lì, dove si trovava il ministro delle Infrastrutture con la scorta, che è partita la telefonata per denunciare quanto successo. Subito sono partiti gli accertamenti, che hanno coinvolto anche la Digos per capire se si fosse trattato di un atto politico. Ma non è questo il caso, piuttosto si è trattato di un episodio di criminalità ordinaria. “E’ capitato a lui come, purtroppo, capita a tanti a Milano”, è stato il commento di Salvini riferito da fonti della Lega, dopo che la notizia è rimbalzata sui media.

“Fortunatamente non si è fatto male nessuno”. E anche il telefono è stato ritrovato, poco distante. Lo ha consegnato alla polizia alla vigilia di Natale un negoziante egiziano a cui l’avevano proposto in vendita. A Federico Salvini è stato restituito oggi. Intanto continuano le indagini per identificare i due rapinatori, anche esaminando le telecamere della zona.

Federico è il primogenito del leader della Lega e della sua prima moglie, Fabrizia Ieluzzi. Diplomatosi al liceo la scorsa estate («ma quanto sono orgoglioso del mio Federico e del suo brillante orale alla maturità di oggi?», ha scritto il papà nel giorno degli esami), è tifoso del Milan, come il papà, con cui si è fatto immortalare indossando la maglia rossonera. Federico era finito sulle pagine di cronaca anche a luglio del 2019, quando un giornalista di Repubblica lo riprese mentre cavalcava una moto d’acqua della polizia a Milano Marittima, nel Ravennate, davanti al Papeete Beach.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.