Crea sito

Il “diamoci una mossa” di Zaia: “L’Italia deve accelerare e acquistare i vaccini sul mercato. Lo stesso Arcuri ha detto…”

«Se è vero che i vaccini sono la soluzione, allora noi abbiamo il dovere etico di cercarli. Senza alcuna contrapposizione istituzionale, e deve essere il Paese a comprarli sul mercato». Così il presidente del Veneto Luca Zaiaoggi nel corso della conferenza stampa in cui ha sottolineato che «se ci sono i canali e se verrà confermato che i vaccini proposti non sono acqua distillata: l’Italia deve assolutamente accelerare e fare come gli altri Paesi che acquistano sul libero mercato».

«Il Veneto è assolutamente collaborativo ed è per questo che ha chiesto l’autorizzazione all’Aifa per l’acquisto che ci ha poi dirottato al commissario Arcuri. Ma i vaccini che eventualmente acquistati sul mercato, in maniera assolutamente legale, dovranno essere appunto verificati e – ha spiegato Zaia – lo stesso Arcuri mi ha detto “se sono buoni come si fa a dire di no a 27 milioni di dosi”», ha rivelato il presidente della Regione.

Sull’acquisto di vaccini da parte del Veneto il presidente della Regione ha anche spiegato che «abbiamo la collaborazione dei colleghi di Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Trentino Alto Adige e adesso delle Marche». E ancora il governatore del Veneto ha tenuto a sottolineare: «Qui l’elemento essenziale è il tempo: se riusciamo a vaccinare tutti i cittadini, in tre-quattro mesi avremo un Veneto Covid free e così possiamo partire prima di altri che stanno ad attendere i vaccini».

Sul caso Zaia è intervenuto a Omnibussu La7 Augusto Minzolini (GUARDA VIDEO). In trasmissione si parlava della campagna di vaccinazione, che prosegue a rilento. «A me sembra strano che per quanto riguarda la gestione dell’emergenza sanitaria sia rimasto tutto uguale. Capisco il senso di mantenere il ministro Speranza perché ha un ruolo di collegamento. Ma non comprendo se nella filosofia-Draghi resterà anche il commissario Arcuri».  Per poi concludere: «Il punto centrale è che se non ci sbrighiamo e non ci diamo da fare rischiamo grosso. Aver cambiato il governo non significa nulla. Faccio un esempio. Il fatto che il governatore  Zaia abbia trovato 27 milioni di vaccini attraverso delle mail e che il commissario Arcuri non li abbia ancora trovati ti dà l’idea che la cosa non può andare avanti così».

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.