Democrazia in Afghanistan: il regime dei talebani vieta alle donne l’accesso all’università

Il regime dei talebani dell’Afghanistan ha interrotto fino a nuove comunicazioni l’accesso delle donne a tutte le università private e pubbliche del Paese. Lo si apprende da una nota del ministero dell’Istruzione di Kabul visionata dall’emittente locale Amu e confermata all’emittente locale Tolo News dal portavoce del dicastero, Hafez Ziaullah Hashemi.

“Vi informiamo di attuare il citato ordine di sospendere l’istruzione femminile fino a nuovo avviso”, si legge nella missiva firmata dal ministro dell’Istruzione superiore, Neda Mohammad Nadeem. Il nuovo divieto arriva meno di tre mesi dopo che migliaia di ragazze e donne hanno sostenuto gli esami di ammissione all’universita’ in tutto il Paese. Per le ragazze era gia’ scattato il divieto di accesso alle scuole secondarie.

Tornando al potere nell’agosto 2021, i talebani promisero di essere piu’ flessibili, ma di fatto sono tornati in gran parte all’interpretazione ultra rigorosa dell’Islam che aveva segnato il loro primo periodo al potere, fra il 1996 e il 2001. Le misure liberticide si sono moltiplicate in particolare nei confronti delle donne che sono state progressivamente escluse dalla vita pubblica e dall’istruzione. Con un inaspettato voltafaccia, il 23 marzo scorso i talebani hanno chiuso le scuole secondarie poche ore dopo la loro tanto annunciata riapertura.

In questa lettera firmata da Nada Mohammad Nadeem, capo ad interim del ministero dell’Istruzione superiore dei talebani, si sottolinea che le università dovrebbero attuare questo ordine “immediatamente”. Ziaullah Hashemi, il portavoce di questo ministero, ha confermato l’autenticità di questa lettera alla BBC.

«Con il nuovo ordine – precisa l’emittente britannica – attualmente le ragazze in Afghanistan possono studiare solo nelle scuole dalla prima alla sesta elementare».

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.