Daniele: “I prezzolati del Qatar dopo lo scandalo invece di nascondersi alzano il tiro e passano ai ricatti: “Niente gas se l’Ue ci penalizza”

By Gaetano Daniele

I prezzolati li riconosci subito. Sono come la volpe: quando non arriva all’uva dice che è acerba. L’europarlamento, dopo lo scandalo Quatargate, ha deciso di sbarrare le porte a tutti i lobbisti vicino a Doha. E, dal piccolo emirato affacciato sul Golfo, la risposta non si è fatta attendere. In particolare, la diplomazia qatariota stanziata a Bruxelles ha ricordato i rapporti tra l’Europa e il Paese arabo specialmente in ambito energetico.

In parole povere, vuol dire che il Qatar sarebbe pronto a ridiscutere gli impegni presi sul gas se azioni ritenute offensive nei confronti di Doha dovessero ripetersi.

A prendere la parola dopo la scelta del parlamento europeo di cacciare via chiunque sia accusato di agire per conto del Qatar, è stato uno dei rappresentanti della missione di Doha a Bruxelles. In alcune dichiarazioni riprese dall’emittente araba Al Mayadeen, il diplomatico ha in primo luogo respinto le accuse mosse al Qatar.

Secondo gli inquirenti infatti, Doha e Rabat si sarebbero mosse per corrompere alcuni eurodeputati, tra cui Antonio Panzeri ed Eva Kaili, e foraggiare un gruppo di rappresentanti politici. Il tutto per orientare i dibattiti verso posizioni ritenute favorevoli ai due Paesi arabi in questione. Quando la morale del corrotto equivale a quella del corruttore. È come assolvere un poliziotto corruttore mentre tenta di corrompere qualcuno, facendolo passare per vittima. Piuttosto mi chiederei come ha fatto ad entrare il poliziotto corruttore in polizia. Due pesi e due misure? È come prendere in considerazione la parola di un bipolare sotto cura. Lascia il tempo che trova.

“Respingiamo con fermezza le accuse di cattiva condotta rivolte contro il Qatar”, ha dichiarato il diplomatico. Il quale, tra le altre cose, si è detto “deluso” per gli attacchi contro Doha nonostante il suo non è l’unico governo coinvolto nell’inchiesta.

Al rappresentante della missione qatariota non è andata giù la scelta di chiudere le porte dell’europarlamento a chiunque sia considerato vicino al piccolo emirato del Golfo. “La decisione di imporre queste restrizioni discriminatorie – ha dichiarato – che limitano il dialogo e la cooperazione con il Qatar prima della fine delle indagini, influenzeranno negativamente la cooperazione in materia di sicurezza regionale e globale, nonché i colloqui in corso sulla carenza di energia e sulla sicurezza globale”.

Il riferimento è alle forniture di gas garantite da Doha a un’Europa che, dopo la guerra in Ucraina e le sanzioni imposte alla Russia, si è ritrovata quasi senza materie prime. L’avvertimento è quindi ben specifico: se fino ad oggi i contratti stipulati con il Qatar hanno garantito l’approvvigionamento necessario a mandare avanti l’economia del Vecchio Continente, da ora in poi altre iniziative ricollegabili al Qatargate potrebbero provocare nuove crisi energetiche.

I qatarioti del resto sanno di avere proprio nel gas un’arma importante. Rinunciando al gas russo, l’Europa si è dovuta rivolgere a Doha. L’emirato da anni è considerato come “l’Arabia Saudita del gas”.

Ha infatti, specialmente nel mare antistante il proprio territorio nazionale, riserve molto grandi di gas e gli investimenti fatti nel settore sono imponenti: negli ultimi anni, sono stati inaugurati i lavori per quattro nuovi terminal di produzione ed entro un decennio altre due strutture del genere sono pronte a essere realizzate.

In questo modo, entro pochi anni la capacità di estrazione e produzione di gas naturale da parte del Qatar è destinata ad aumentare del 60%. Impossibile quindi fare a meno di Doha, specialmente in una fase di immediata transizione nel mercato europeo, caratterizzata dall’assenza di una fonte di approvvigionamento importante quale quella russa.

È anche vero però che il mercato del vecchio continente per il Qatar è altrettanto fondamentale, essendo l’Europa uno dei principali acquirenti del proprio gas. Chiaro però come, ancora una volta, vicende politiche e giudiziarie si intrecceranno sul filo della necessità di acquistare o vendere materie prime. Quando per respirare bisogna otturarsi il naso.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.