Crea sito

Coronavirus, migranti in rivolta contro la quarantena nella caserma Serena: linciata una infermiera

Ancora tensioni all’ex caserma Serena, dove 133 dei 293 migranti accolti a Casieri (in provincia di Treviso) sono risultati positivi al Covid. 

Ieri sera, giovedì 30 luglio, alcuni di loro hanno danneggiato l’infermeria lanciando una brandina, dei mobili e un computer per manifestare il loro diniego alla quarantena obbligatoria che li aspetta.  

La tensione è nata dalla decisione di bloccare all’interno della struttura tutti i migranti, non solo quelli risultati positivi ai tamponi svolti dagli operatori.. Della rivolta ha anche parlato anche il governatore Zaia: “La comunità deve avere la tranquillità che non si può uscire e non si può entrare per andarsi a prendere il virus. I veneti hanno trascorso mesi chiusi in casa  non capisco perché questi signori stiano già alzando la voce perché vogliono uscire. Qui si vede se esiste lo Stato oppure no. Resta sottinteso che strutture come l”ex caserma Serena e altre che ha il Veneto devono essere dismesse. Ormai è certificato  che questo sistema di ospitalità è fallimentare,  lo è socialmente, culturalmente, sanitariamente, economicamente, in tutti i sensi”, ha puntualizzato il governatore del Veneto

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.