Crea sito

Caso Regeni, la commedia perfetta, non esiste. Di Maio viene bacchettato dal suo vice, ma a rimangiarsi la parola è stato lui

La commedia all’italiana continua. Più che commedia, è una sceneggiata napoletana. Anche perché fu lo stesso Luigi Di Maio ad aver annunciato che se non fosse venuta fuori tutta la verità sul caso Regeni, l’Italia avrebbe chiuso ogni rapporto commerciale con l’Egitto. Detto e non fatto, perché gli affari tra i due paesi continua.

Ma questa volta fa ancora più notizia, perché a dire una cosa e il suo contrario, sono due pentastellati considerati vicinissimi tra di loro. Stiamo parlando del ministro degli Esteri Luigi Di Maio e del suo sottosegretario, compagno di partito e di corrente, Manlio Di Stefano.

Mentre Giuseppe Conte a Palazzo Chigi è infastidito dall’attivismo di Di Maio sulla spinosa questione del caso di Giulio Regeni, ecco che dalle stanze del ministero guidato dall’ex capo politico del M5s sibila uno spiffero clamoroso. È Repubblica a darne conto in un retroscena non ancora smentito dallo Staff di Giggino. Secondo cui la Farnesina starebbe valutando il richiamo dell’ambasciatore italiano in Egitto a causa delle lentezze dell’inchiesta egiziana sulle torture che avrebbe subito il giovane ricercatore italiano prima della sua morte.a come scritto, gli affari non si sono mai interrotti.

Almeno così sembrava fino a quando Di Stefano è intervenuto ai microfoni di Radio 24, non si capisce bene se per smentire la notizia o per affermare l’esatto opposto di ciò che vorrebbe fare Di Maio. Comunque il sottosegretario ha dato l’alt alla ritorsione diplomatica. E lo ha fatto con delle dichiarazioni che difficilmente corrono il rischio di essere equivocate. “Non credo che il ritiro dell’ambasciatore sia una soluzione, non l’ho mai creduto per un semplice motivo: l’ambasciatore è sostanzialmente il rappresentante del suo Paese in un altro Paese. Se si toglie l’ambasciatore di fatto si finisce di dialogare”.

E poi ci sono i parlamentari. I deputati grillini in Commissione Esteri in una nota hanno commentato: “Bene ha fatto la Farnesina ad esprimere tutta la delusione per l’incontro di ieri”. Ma di quale incontro parlano?

Siamo veramente alle comiche 2. Il sottosegretario che smentisce e corregge il ministro. E il ministro in questione è Di Maio.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Una risposta a “Caso Regeni, la commedia perfetta, non esiste. Di Maio viene bacchettato dal suo vice, ma a rimangiarsi la parola è stato lui”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.