Crea sito

[BOOM] Coronavirus, i bengalesi positivi al Covid grazie al certificato falso. Ecco chi finisce in manette

Cercava di fuggire in Indiamascherato con un burqa il proprietario di un ospedale privato di Dacca (Bangladesh) accusato di rilasciare falsi certificati di negatività al Covid 19. L’uomo, come riporta la Bbc, è stato fermato al confine mentre cercava di passare la frontiera. 

Mohammad Shahed, questo il nome del direttore del Regent Hospital, è stato fermato in un villaggio remoto nel distretto sudoccidentale di Satkhira, vicino al confine con l’India.

Stava tentando di passare la frontiera. Nascosto sotto un burqa, secondo la Bbc. Per la polizia, era in fuga da quando il 7 luglio era stato chiuso l’ospedale, più di mille le false certificazioni rilasciate.

Nove persone dello staff erano già finite in manette dopo un’indagine da cui erano saltati fuori almeno 6.000 certificati contraffatti e alla struttura stata revocata l’autorizzazione a effettuare i test dopo la scoperta di referti con falsi positivi e falsi negativi.

Domenica era stata arrestata una dottoressa di un altro ospedale accusata di essere coinvolta nel rilascio di certificati Covid-19 fasulli in un’altra struttura privata di Dacca. Il Bangladesh ha confermato sinora più di 190.000 casi di coronavirus con oltre 2.400 morti dal primo caso segnalato l’8 marzo.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.