Venezia 78: 5 film italiani in concorso tra sfilate e vip

Venezia 78, lungo il red carpet torna il muro anti-assembramento. Il servizio d’ordine controlla sul distanziamento e le mascherine in sala. I fan e cacciatori di autografi sono avvisati e scoraggiati dalle transenne ad ammassarsi. Tutto è pronto, insomma: e domani, con l’arrivo di Roberto Benigni, Pedro Almodovar e il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella – primi grandi ospiti della 78ma Mostra del Cinema di Venezia – al Lido si può alzare il sipario sul Festival. Un’edizione che, nonostante la pandemia, promette una carrellata di star degna dell’era pre-Covid. Kristen Stewart. Matt Damon. Penelope Cruz. Javier Bardem. Antonio Banderas. Timothée Chalamet. Isabelle Huppert. Oscar Isaac. Jessica Chastain. Zendaya. Jason Momoa. Rebecca Ferguson. Jamie Lee Curtis. Kirsten Dunst. Vincent Lindon. Tim Roth. Adam Driver. Olivia Colman. Dakota Johnson. Anya Taylor-Joy. Jodie Comer: una parata di stelle hollywodiane, quella che è attesa al Lido da domani all’11 settembre.

Naturalmente restano le regole sul distanziamento imposte dal Covid (con una capienza al 50%, saranno occupabili 4.000 posti sugli 8.000 disponibili). E l’obbligo di indossare la mascherina in sala. Allo stesso modo, lungo il red carpet torna il “muro” che ripara la vista dall’esterno, per evitare che lungo le transenne si creino assembramenti di fan e cacciatori di autografi. Ma la presenza delle star, per la gioia di fotografi, tv, addetti stampa e giornalisti, sarà comunque molto abbondante. E allora, già nel giorno d’apertura, domani, l’accoppiata Pedro Almodovar-Roberto Benigni assicurerà riflettori accesissimi sulla mostra. La madrina Serena Rossicondurrà una cerimonia di apertura che si prolungherà quest’anno per la consegna del Leone d’Oro alla carriera a Roberto Benigni.

Ad assistere in platea ci sarà anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che non ha voluto mancare di sottolineare con la sua presenza alla serata inaugurale l’attenzione per il mondo del cinema così duramente colpito dalla pandemia. Subito dopo la cerimonia, si alzerà il sipario del concorso per il Leone d’Oro con il film di apertura Madres Paralelas, accompagnato dal regista spagnolo Pedro Almodovar e dalle due protagoniste Penélope Cruz e Milena Smit. Dopo la proiezione, in assenza della cena della Biennale sulla spiaggia dell’Excelsior, che salta per il secondo anno consecutivo a causa del Covid, ci sarà un gala distanziato e ristretto nella Sala Stucchi dell’hotel, dove sono attesi i protagonisti della serata.

Nel secondo giorno della mostra, il 2 settembre, sfilerà il primo dei cinque film italiani in concorso: l’atteso e autobiografico È stata la mano di Dio, di Paolo Sorrentino, con Filippo Scotti e Toni Servillo. Gli altri italiani in gara per il Leone d’Oro sfileranno sabato 4 settembre (Il Buco di Michelangelo Frammartino). Martedì 7 (Qui rido io di Mario Martone). Mercoledì 8 (Freaks out di Gabriele Mainetti). E infine, giovedì 9 (America Latina dei gemelli D’Innocenzo).

Pubblicato da edizioni24

Sito a cura di Rita De Marco dal 07/09/2021. Rita De Marco è una studentessa di Napoli, aspirante giornalista, fashion Blogger. Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.