Covid, variante Delta, Mykonos si arrende e dice stop alla movida. Coprifuoco a Barcellona e a Lisbona. Cambiano ancora gli scenari..

La “preoccupante” impennata di casi di Covid ha indotto le autorità greche a imporre nuove restrizioni sull’isola di Mykonos. Da sempre popolarissima destinazione turistica e meta del divertimento. Si istituisce il coprifuoco tra l’una e le sei del mattino e il divieto di mettere musica per bar, club e ristoranti. Le misure hanno effetto immediato e resteranno in vigore fino al 26 luglio.

La Grecia sta vivendo in questi giorni un aumento di casi, prevalentemente a causa della variante Delta: venerdì si contavano infatti 2.700 nuove infezioni a livello nazionale, tre settimane fa erano meno di 400.

In Europa sono diversi i Paesi che stanno correndo ai ripari contro la variante Delta. In Francia ieri sono stati superati i 10mila casi giornalieri. Nell’ultima mappa del rischio Covid realizzata dall’Ecdc, la maggior parte del Paese è ancora colorato di verde, ma preoccupa la situazione nelle regioni al confine con la Spagna. Per questo, nei Pirenei orientali è tornato l’obbligo di mascherinaall’aperto da oggi, sabato 17 luglio, al 2 agosto. Lo ha annunciato al prefettura in un comunicato, spiegando che fanno eccezione le spiagge e i grandi spazi naturali. Vietato anche il consumo di bevande alcoliche in strada e negli spazi antistanti a bar e ristoranti. Nel dipartimento il tasso di incidenza è passato da 12,7 casi ogni 100 mila abitanti registrato il 2 luglio a 129,9 casi il 12 luglio.

Il governo francese ha inoltre introdotto il pass sanitarioobbligatorio per ristoranti, caffè e trasporti di lunga percorrenza come treni e aerei. La Francia impone anche il risultato di un test effettuato meno di 24 ore prima per chi non è vaccinato e arriva da Gran Bretagna, Spagna, Portogallo, Cipro e Grecia. La misura entrerà in vigore alla mezzanotte di domenica, come ha annunciato il premier, Jean Castex in un comunicato.

In Spagna il Covid colpisce soprattutto i giovani: nella fascia d’età 20-29 anni e adolescenti nell’ultima settimana si sono raggiunti i mille casi ogni 100mila abitanti. In Catalogna una delle situazioni più critiche. A Barcellona è tornato infatti il coprifuoco notturno per cercare di fermare i contagi e la diffusione della variante Delta.

Allerta anche in Portogallo: a Lisbona e Porto è in vigore il coprifuoco dalle 23 alle 5 e vi sono limitazioni agli orari di bar e ristoranti.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.