Valeria Bruni Tedeschi alza un muro in difesa del fidanzato accusato di due stupri: “Media forcaioli” (Video)

L’attore Sofiane Bennacer ha diversi procedimenti in corso per stupro: l’attore francese è protagonista di ‘Les Amandiers’di Valeria Bruni Tedeschi, che è anche la sua fidanzata. Almeno due le ex che lo accusano di stupro, riporta Liberation, ma ci sarebbe anche un altro caso. Le Parisien riporta che “Patrick Sobelman, uno dei due produttori del film ‘Les Amandiers’, ha assicurato venerdì che la produzione non sapeva nulla delle presunte azioni di Sofiane Bennacer prima di reclutarlo”.

Bennacer, 25 anni, è il fidanzato di Valeria Bruni Tedeschi, 58, che ieri a Roma, durante la presentazione del suo film ha parlato delle accuse di stupro all’attore.  L’attrice e regista ha accusato i media: “È stata calpestata la presunzione di innocenza”. La sorella di Carla Bruni si è detta “sbalordita, leggendo il quotidiano Libération, di vedere il trattamento riservato a un giovane uomo oggetto di un’indagine penale in corso, senza alcun rispetto per le persone che stanno lavorando su questa indagine, né per il principio di presunzione di innocenza”.

Sulla stessa linea la sorella dell’artista, la ex first lady Carla Bruni che sui social si scaglia contro Libèration: “Uno dei fondamenti della nostra democrazia è la presunzione di innocenza. Senza la presunzione di innocenza, tutta la giustizia è incerta, discutibile e forse corrotta. Libé ci ha dato lezioni di moralità per 40 anni, ma la presunzione di innocenza gli è ovviamente del tutto estranea. Condannare sulla prima pagina di un giornale, al giorno d’oggi, significa condannare del tutto. È crocifiggere qualcuno, senza nemmeno sapere cosa sia realmente. Significa violare uno dei fondamenti delle nostre democrazie”.

Bennacer avuto tre rinvii a giudizio: due per atti di stupro su due ex compagne, il terzo “per violenza su coniuge”. E una quarta denuncia presentata da un’altra ex fidanzata che denunciava atti di stupro, è stata posta nello status più favorevole di ‘testimone assistito’.

Valeria Bruni Tedeschi ha spiegato di essere stata “artisticamente impressionata da Sofiane Bennacer sin dal primo secondo del casting del mio film, e ho fortemente voluto che ne fosse l’attore principale nonostante le voci che circolavano, di cui ero a conoscenza. I miei produttori hanno espresso timori e riserve, ma gli ho comunicato che queste voci non dovevano mettere in discussione questa scelta e che era impensabile per me fare il film senza di lui. Mi hanno dato fiducia. Li ringrazio e mi assumo la piena responsabilità della mia scelta”. Infine, Valeria Bruni Tedeschi ha parlato della sua relazione con l’attore, molto più giovane di lei: “Abbiamo effettivamente una relazione amorosa, ma questo rapporto è iniziato molto dopo la fine delle riprese, ed è basato innanzitutto su un’amicizia profonda”.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.