Uruguay, Luca Ventre fu strangolato da una guardia giurata. Ma la procura di Roma archivia

La procura di Roma ha chiesto l’archiviazione per la morte di Luca Ventre. Il trentacinquenne morto il 1 gennaio 2021 in Uruguay. L’uomo, dopo aver scavalcato il cancello dell’ambasciata italiana di Montevideo venne bloccato in cortile da due vigilantes. E morì poco dopo in ospedale. Una morte che, come emerso dagli accertamenti medico-legali compiuti dopo il rientro della salma, è stata dovuta ad “asfissia meccanica violenta ed esterna. Per una prolungata costrizione del collo. Che provocò l’ipossia celebrale dalla quale derivarono il grave stato di agitazione psicomotoria e l’arresto cardiaco irreversibile”.

Le indagini, coordinate dalla procura di Roma nel fascicolo aperto per omicidio preterintenzionale, hanno permesso di ricostruire la dinamica dei fatti. E di raccogliere elementi sulla responsabilità di uno dei vigilantes. Ma la Fiscalia di Montevideo, dopo aver esaminato la consulenza tecnica italiana ha, comunque, ritenuto di confermare la versione storica. La morte di Luca Ventre del 15 novembre scorso è riconducibile solo ed esclusivamente “allo stato iperadrenergico causato dall’eccitazione psicomotoria. Associata al consumo di cocaina”. Esclusa la responsabilità della guardia giurata.

Nonostante gli elementi di prova raccolti, grazie alle indagini degli inquirenti italiani, che permetterebbero di sostenere l’accusa in giudizio, esiste un problema di procedibilità per un reato di omicidio commesso all’estero da uno straniero, ai danni di cittadino italiano. Affinché sia esercitabile l’azione penale, infatti, sono necessarie alcune condizioni. Tra cui la presenza dell’indagato sul territorio nazionale. L’uomo non risulta però essersi mai recato in Italia. Una situazione che ha portato la procura di Roma a chiederne l’archiviazione.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.