Tragedia sfiorata a Napoli, aliscafo con 119 passeggeri impatta contro il molo (Video)

Momenti di paura questa mattina al porto di Napoli: un aliscafo diretto ad Ischia, per cause in via di accertamento, è finito contro il molo San Vincenzo poco dopo la partenza. Dall’impatto forte, stando alle prime informazioni che arrivano dal posto, sembrerebbero esserci alcune decine di persone ferite e trasferite d’urgenza tra Ospedale del Mare e Cardarelli. C’è anche una neonata tra i passeggeri ricoverati8 al Santobono.

Secondo le prime informazioni alcuni passeggeri sono rimasti feriti ma nessuno sarebbe grave. Continuano ad arrivare numerose ambulanze al porto di Napoli, dirette al molo San Vincenzo dopo l’incidente dell’aliscafo diretto ad Ischia. Tuttavia non risultano feriti gravi. La marina militare al momento non autorizza l’ingresso al molo San Vincenzo.  Il Città di Forio aveva mollato gli ormeggi al Molo Beverello alle 12.10 diretto ad Ischia Porto, con a bordo 100 passeggeri. Per cause ancora da accertare, mentre si trovava ancora all’interno del porto di Napoli, ha improvvisamente virato verso destra finendo per sbattere contro le banchine del San Vincenzo.

Nell’incidente, secondo quanto riferisce Il Messaggero, è rimasta ferita una bambina di pochi mesi, che si trovava a bordo dell’ aliscafo che poco fa ha urtato contro il molo San Vincenzo, a Napoli, è stata portata a terra con una motovedetta della Guardia costiera e quindi tasportata in ospedale per accertamenti. Lo si apprende dai soccorritori intervenuti sul posto. Nel dettaglio, pare che l’aliscafo Città di Forio abbia urtato una banchina e poi si è arenato dopo brusca decelerazione, è stata aperta un’indagine. Sono 5 i feriti, 4 adulti, tra cui un marinaio con costole rotte e una bambina trasportata per precauzione al Santobono. Gli altri tra Cardarelli e ospedale del Mare. L’aliscafo Città Forio lo stanno invece rimorchiando in banchina.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.