Crea sito

[Boom] Quando si scambiano figure di me*** per medaglie al valore. Torre del Greco, caso O.E.I la ragazza madre di Ercolano che picchiò il figlio fino a fargli mancare il fiato per poi chiuderlo al freddo fuori la porta di casa, presenta un ricorso farsa: “Il 17 ottobre…”. Non vede il foglio da circa 3 mesi e al piccolo: “Dove vado non devo dare conto a te, sei una spia tedesca? Statti con tuo padre, non ti voglio”. Una ragazza tutta casa e famiglia. Ith24 si schiera dalla parte della verità, sempre!

Avv A.C

Confondere la merda con la cioccolata è un privilegio delle persone estremamente colte. Il caso O.E.I la ragazza madre 32enne di Ercolano che picchiò il figlio fino a fargli mancare il fiato per poi chiuderlo fuori il cancello di Via Gennaro Niglio, tramite il suo legale A.C. di Torre del Greco, notifica, finalmente, il suo ricorso giudiziale all’ex marito. (Una ragazza piena di sentimenti, casa e famiglia). Ma l’avv. A.C di chi parla?

Il 6 novembre, l’avv. A.C scrisse all’ex marito: a breve le sarà notificato il ricorso. (Dopo 5 mesi).E viste le gravità e le urgenze descritte da lui l’udienza viene fissata a giugno. Dopo un anno. E se non fossero state urgenti? Ma meglio tardi che mai. E mentre la sua assistita afferma: “al mio avvocato non dico tutto, non deve sapere tutto”. Alleluia Alleluia’, arriva la lettera. La forma è ridicola, l’italiano approssimativo, fa ridere. Se uno che scrive così diventa avvocato, non si può che constatare che è una forma di comicità quasi irresistibile. Un avvocato che non si accerta della veridicità di quello che scrive solo perché gli viene riferito fa nascere il sospetto che siamo di fronte ad una farsa generale. E’ come se facessero ith24 presidente canottieri italiani. Il ricorso depositato è più divertente di quello scritto da Peppino sotto dettatura di Totò. Per non parlare che sono solo calunnie, accertate. L’avv A.C va a caccia senza cartucce. Lo abbiamo sempre detto che forse, avrebbe perso di credibilità, non tanto per come scrive, noi facciamo di peggio, ma per le continue diffamazioni contenute nella lettera: vengo con questa mia a dirvi.. Abbiamo confrontato attraverso le video riprese dell’appartamento ed è uscito un altro film. E non sono spezzoni. La pellicola è completa.

Non entriamo nel vivo di quanto riportato nel libro dei sogni. Per rispetto al processo giudiziale, ci limitiamo a notare solo uno dei 9 punti diffamatori. E sugli altri 8 punti ci giochiamo la reputazione. Anche a costo di chiudere serranda. Ci mettiamo la faccia, e lei è pronto avvocato?.( 17 ottobre. Compare questa data: 17 ottobre). La ragazza ha dichiarato che il 17 ottobre sia stata minacciata che gli venisse staccato il gas. Mai staccato dall’entrata nella nuova abitazione ad oggi. Dove vive a tutto oggi il figlio. Registra sfoghi di nascosto col cellulare per incastrare il marito dopo che manca da casa per settimane. Proprio come ora dal figlio. Porella. Ma perché lei cucinava? Ma dov’era? È cascata male, era ripresa proprio a seguito delle sue continue fughe. Non perseguitata. Poi le spiegheremo la differenza. Anzi. Glielo faremo spiegare dal presidente del Tribunale dei minori che di certo è più competente di noi. Sicuramente in quella sede spiegheranno quali dovevano essere i ruoli bigenitoriali. Altro che Alice nel Paese delle meraviglie. Lì, in quella sede, l’unica cosa che non mancherà, saranno proprio le meraviglie (72).

Infatti venerdì 16 ottobre alle ore 15.24, la O.E.I, dichiarava davanti all’ex marito e al figlio, quanto segue: “ho un appuntamento alle 16.00 con il mio avvocato A.C. torno stasera sul tardi”.

Ma riportiamo indietro le lancette di qualche ora:.alle ore 12.35, in assenza del marito, prepara una borsa (selex di plastica bianco), dove all’interno vi mette un paio di calze di color nero ed altri indumenti. Già si era organizzata per la sera. Poi una telefonata: ora scendo. Erano i genitori. La ragazza, il 16 ottobre si organizza una serata mentendo spudoratamente all’ex marito e al figlio. Difatti, alla 20.45 viene vista in una Fiat 500 di colore bianco, e ritirarsi a sera inoltrata non a casa dal figlio, ma dai genitori. Non fa rientro a casa. Rientrerà dal figlio proprio il 17 ottobre alle ore 11.58. La ragazza madre, ingenua, vittima, tutta per la famiglia, quasi a voler passare per Alice nel Paese delle meraviglie, aveva spudoratamente mentito al figlio e all’ex marito “impulsivo ed aggressivo” per uscire in buona compagnia. Poi si prepara. Il giorno dopo riesce e si ritira lunedì 19 . Ma questa volta forse è per lavoro. E mente, forse anche al legale che a Giugno assisterà alle molteplici bugie costruite ad hoc solo per tutelare, come dichiarato dalla stessa, il suo fidanzamento. E quanto alla gelosia, lì, fanno il gelato buono.

E restando in tema aggressioni, aggredi con una bottiglia di vetro (Peroni) indovinate chi? L’ex marito che anche in quella occasione non osò reagire all’attacco violento ed isterico della stessa. O come quando aggredi una maestra di 70anni all’uscita del Plesso scolastico, per poi disertare finanche le udienze,

E nonostante il figlio minore viva da circa 3 mesi con il padre in data 04/03/2021, al figlio afferma: “io ho le mie frequentazioni, ma ora mica andate dal mio fidanzato…. ?”.

Ma il punto non è se sia o meno fidanzata (un fattore naturale), ma che lo dica al figlio apertamente. Qualcuno dice: non si può estrapolare solo una frase. Ma in gergo di strada si dice che le prime mazzate sono quelle che contano, poi c’è sempre chi divide. Nel senso che se si dice al figlio che non vede da 3 mesi: “non ti posso tenere perché sto cercando lavoro”. Poi, dopo, si può anche cercare di rientrare, ma le mazzate al bambino sono state date. Perché non ricorderà il resto ma solo la frase iniziale.

Insomma la ragazza ha trovato sponda: le bugie. Forse l’avvocato sarà stato troppo impulsivo nel riportare date senza badare alle conseguenze, infatti ha preso cicoria per banane……

Ma non finisce qui. La ragazza ingenua, continuamente, a detta sua, vittima di aggressioni, non ha mai chiamato le autorità, ma fu proprio l’ex marito a seguito dell’ennesima violenza subita dalla ragazza a chiamare la Polizia in data 12 settembre che, accertavano l’ira della ragazza. Non solo. La ragazza, affermava testuali parole: “mio marito vince tutte le cause. Si compra i giudici. Io non so come fa”. Ed in precedenza: “tu fai parte dei servizi segreti. Tu hai un amico nell’anticamorra che mi entra nei cellulari e mi fai seguire”. Poi l’esimio avvocato porterà le prove di quanto scritto e firmato di suo pugno. .

La ragazza è un attrice, da Premio Oscar, del resto è figlia d’Arte. Finge vittimismo, e si presenta alla stazione dei carabinieri a chiedere di un carabiniere, presunto amico dell’ex marito di nome Ciccio.

Viene denunciata. E in data 19/10/2020, (ore 08.57) davanti al figlio dà uno schiaffo al marito e gli butta in faccia un temperino di colore rosso. Non pubblichiamo il video perché nella maggior parte della ripresa figura Il minore.

Insomma, a Giugno, sempre se non accadrà qualche colpo di scena prima, vi terremo aggiornati su come finirà questa spiacevole vicenda. La vicenda. Anche perché nel ricorso dell’ex marito, figura una lista di uomini lunga quanto i Rotoloni Regina. E forse quel libro dei sogni sarà stata solo una copertura. Ma in Questura urla diffamazione. Vittima o carnefice? Chi vivrà vedrà. E, dove ha presentato false buste paga, non hanno dubbi: è lei. Ha firmato lei. In carne ed ossa.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Una risposta a “[Boom] Quando si scambiano figure di me*** per medaglie al valore. Torre del Greco, caso O.E.I la ragazza madre di Ercolano che picchiò il figlio fino a fargli mancare il fiato per poi chiuderlo al freddo fuori la porta di casa, presenta un ricorso farsa: “Il 17 ottobre…”. Non vede il foglio da circa 3 mesi e al piccolo: “Dove vado non devo dare conto a te, sei una spia tedesca? Statti con tuo padre, non ti voglio”. Una ragazza tutta casa e famiglia. Ith24 si schiera dalla parte della verità, sempre!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.