Tlc, il niet della Cassazione alle bollette “a 28 giorni”

No definitivo alle «bollette a 28 giorni». La Corte di Cassazione ha giudicato inammissibile il ricorso di Fastweb per «eccesso di potere» contro la sentenza del Consiglio di Stato sulla fatturazione a quattro settimane. Il 7 febbraio 2020 l’organo aveva respinto l’appello dell’azienda contro il Tar del Lazio. Il tribunale aveva confermato con più sentenze la multa dell’Agcom (l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) di 1,16 milioni di euro per il mancato rispetto delle norme sulla cadenza mensile del rinnovo delle offerte per la telefonia fissa e per quella fisso-mobile.

Le sanzioni avevano colpito anche Tim, Wind 3 e Vodafone. «Il giudice amministrativo si è attenuto al compito interpretativo che gli è proprio». Secondo i giudici supremi, a sezioni unite, non si ravvisa «alcun radicale stravolgimento delle norme di riferimento tali da ridondare in denegata giustizia». Confermata quindi la legittimità dell’intervento di Agcom contro l’aumento tariffario dell’8,6%, considerato «pregiudizievole per l’utenza», perché ottenuto con la riduzione a 4 settimane del periodo di fatturazione delle offerte.

Il 23 giugno 2017 l’Autorità aveva imposto a diverse compagnie, tra le quali Fastweb, di ritornare al rinnovo mensile dei servizi, oItre a condannarle al pagamento di una multa. «L’esercizio da parte dell’Agcom dei propri poteri regolatori» opera, secondo la sentenza, «su un piano diverso e parallelo rispetto alla tutela civilistica apprestata dal codice civile e dal codice del consumo, cui si aggiunge, senza escluderle».

Festeggiano ovviamente i consumatori che sul tema avevano ingaggiato una dura battaglia con le società telefoniche. Per il presidente Carlo Rienzi, si tratta di «un’importante vittoria per il Codacons e per tutti gli utenti italiani della telefonia». Adesso Fastweb, per effetto della decisione della Cassazione, dovrà anche risarcire l’associazione con 10.200 euro.

«Si tratta dell’ennesima vittoria contro le compagnie telefoniche che continuano a cercare cavilli legali inutili e pretestuosi – afferma il presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, Massimiliano Dona – per arrampicarsi sugli specchi pur di poter fare i loro comodi in barba a quanto hanno deciso le Authority». Ad oggi nessuna compagnia ha restituito il maltolto ai consumatori, ossia i giorni erosi che avrebbero dovuto essere riconosciuti in fattura ai propri utenti per il periodo compreso tra il 23 giugno 2017 e i primi di aprile 2018, data in cui è stata ripristinata la fatturazione su base mensile, ha spiegato Dona mettendo in risalto come questo svuoti i poteri delle Authority. «Gli operatori dovevano d’ufficio posticipare la data di decorrenza delle fatture, ma non lo hanno fatto», ha concluso.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: i[email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.