Crea sito
Caserta, caso Olga Elisabetta Infante: urla e minacce sotto casa attirano le attenzioni del vicinato: “non me ne frega un ca*** della Polizia, scendi subito o scavalco io. Io da qua non mi muovo”. Interviene la Polizia, la allontanano, ma ritorna… poi la fuga insieme al padre a bordo di una Fiat 600 rossa seguita da una Fiat 500 abarth, nera!
[Boom – Ecco gli screenshot verità] Ercolano, De Santis: “ora spieghiamo ai giudici perché, a nostro avviso, Olga Elisabetta Infante è una bugiarda patologica e va curata prima che rovini la vita anche ad un minore”. Ora, pur di non tenerlo, vuole far scattare gli assistenti sociali. Dopo aver sfottuto le autorità giudiziarie, vuole farsi beffa anche degli assistenti sociali?
[Offende le Divise? Ecco chi è la famiglia Infante] Ercolano, caso O.E.I, la tatuatrice violenta che picchiò e abbandonò il figlio per intrattenere una relazione d’amore con un uomo di mezza età, e si improvvisò disegnatrice, continua a far tremare le mura dei tribunali. Non vede il figlio da oltre due mesi, si finge malata ma i Carabinieri non la trovano a casa. Il figlio, le responsabilità e la scuola, sono un optional da usare per ottenere vantaggi economici: vuole il mantenimento senza far nulla, è una nababbo”
Ercolano, lamenta sintomi da Covid-19 da oltre 20 giorni, ma va a lavorare come disegnatrice in un centro Tatoo e non fa il tampone: “non ho i soldi”. E per vergogna fa scattare foto alla sorella e le pubblica sul suo stato di whattsapp per dimostrare che sta bene. Parte la nostra denuncia ai Carabinieri e all’Asl 3. Non bisogna mai nascondere i sintomi nel rispetto della collettività..(ith24 provvede a prenotare il tampone alla ragazza: ID: 206800000018.)
[Boom] Ercolano, il pluripregiudicato Carlo Infante (Furto, Ricettazione, Truffa aggravata), padre della O.E.I alias “Elisa Betta” (artista di Torre del Greco), passa alle maniere forti: non ha paura e si presenta a casa del padre dell’ex marito: “non mi dovete mettere più sul giornale, chiaro?”. La figlia, denunciata per truffa ‘e protestata’ anche da Banca Findomestic (buste paga false) lavora in nero. Denunciata all’Ispettorato del lavoro
[BOOM] Ercolano, caso O.E.I, Ith24 ‘sentinella’ della legalità in marcia contro il malaffare: “non tratta con gli stolti, figuriamoci con i lestofanti”. Il giaguaro è stato smacchiato… (Siamo a disposizione dei Pubblici Ministeri della Procura di Santa Maria Capua Vetere. Oltre alle prove audio e video, 3 persone pronte a testimoniare a Giugno)
[Boom] Quando si scambiano figure di me*** per medaglie al valore. Torre del Greco, caso O.E.I la ragazza madre di Ercolano che picchiò il figlio fino a fargli mancare il fiato per poi chiuderlo al freddo fuori la porta di casa, presenta un ricorso farsa: “Il 17 ottobre…”. Non vede il foglio da circa 3 mesi e al piccolo: “Dove vado non devo dare conto a te, sei una spia tedesca? Statti con tuo padre, non ti voglio”. Una ragazza tutta casa e famiglia. Ith24 si schiera dalla parte della verità, sempre!
[Indaga la Guardia di Finanza – La denuncia] Ercolano, caso O.E.I, la mamma 32enne di Torre del Greco che picchiò il figlio fino a fargli mancare il fiato per poi chiuderlo fuori la porta di via Gennaro Niglio, truffa la Findomestic presentando false buste paga. Viene protestata, prende accordi di pagamento e non li rispetta, e la società per conoscenza ci scrive: “è stata segnalata all’antifrode. Prende accordi e non li rispetta”.